logo san paolo
sabato 22 gennaio 2022
 
 

Una cambiamento per una scuola moderna

12/11/2013  Con la benedizione del Ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza si ri-comincia finalmente a parlare di ridurre i cinque anni di liceo a quattro allineandosi alla maggioranza dei Paesi europei.

Con la benedizione del Ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza si ri-comincia finalmente a parlare di ridurre i cinque anni di liceo a quattro allineandosi alla maggioranza dei Paesi europei e agli Stati Uniti.
L'idea che traspare dalle parole stesse del Ministro riguardano la possibilità di cominciare a fare dei cambiamenti sostanziali in un'istituzione granitica e immobile come quella della scuola italiana. Intervistata dal Messaggero il Ministro ha spiegati: «In Italia si creano dei tabù per non cambiare niente. Io sono empirica e dico: sperimentiamo e poi decideremo».

Per ora tre scuole paritarie parteciperanno alla sperimentazione: a Milano il Collegio San Carlo, l'Istituto Olga Fiorini di Busto Arsizio e a Brescia  il Liceo internazionale per l'Impresa Guido Carli.
Partecipando all'inaugurazione di quest'ultimo il Ministro ha spiegato che «Si tratta di un’esperienza che, a valle del monitoraggio che consenta di valutarne progressivamente i risultati, dovrebbe diventare un modello da replicare in tutta Italia anche per la scuola pubblica».


Numerosissime, di conseguenza, le polemiche
per questa scelta moderna e coraggiosa che ci avvicina a quei  Paesi stranieri dove il sistema scolastico sotto certi aspetti appare più agile, sembra andare incontro alle esigenze dei ragazzi, della società e del mondo del lavoro prima che ai bisogni dei suoi dipendenti  che, in Italia, hanno prontamente espresso la loro contrarietà.

I sindacati ricordano infatti che tale riorganizzazione porterebbe alla perdita  di quasi 40mila cattedre. Il ministero risparmierebbe oltre un miliardo e 300 milioni di euro all'anno, ma per diverso tempo diminuirebbero le possibilità di essere immessi in ruolo migliaia di precari in attesa da decenni del posto fisso.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo