logo san paolo
lunedì 17 gennaio 2022
 
Stepchild Adoption
 

Quattro italiani su cinque contrari all'adozione gay

04/02/2016  I lettori ci scrivono

Sono molto deluso dal mio partito e soprattutto dal suo presidente Renzi per aver proposto una legge sulle unioni civili che, in realtà, sono un matrimonio mascherato. Il termine stepchild adoption non a caso viene molto usato, in quanto nasconde la vera natura di ciò che vuol proporre: l’apertura graduale e mascherata a tutti i generi di adozione. Secondo i sondaggi più affi…dabili e spesso ignorati da molti conduttori televisivi, la maggioranza degli italiani, me compreso, in linea di massima sono favorevoli alle unioni civili. Ma a condizione che siano ben distinte dal matrimonio. Stupisce non poco che il Premier Renzi, che partecipò al “Family day” del 2007, in tema di politica familiare ha assunto posizioni ambigue e distanti da allora. Tutto ciò ha il sapore di scelte opportunistiche. Rimane il fatto incontestabile che l’italiano medio, al di sopra di ogni tendenza religiosa o politica, ritiene sempre la famiglia naturale il principale fondamento della società.

LUCA

Sulla coerenza dei politici c’è poco da scommettere. E loro, poi, sono così abili da farci credere che non hanno mai cambiato opinione. Quanto al dibattito sulle unioni civili, un clima di confronto più sereno avrebbe permesso di evitare contrapposizioni ideologiche, che portano solo a inasprire gli animi. I mass media, poi, non hanno fatto nulla per svelenire il clima da stadio su temi così delicati. Spesso, anzi, hanno alzato i toni, cercato la rissa o fatto poca chiarezza su valori e numeri in ballo. Qualche esempio? I ragazzi interessati all’adozione, secondo il ddl Cirinnà, non sono i centomila sbandierati sui giornali, ma poco più di cinquecento. Allo stesso modo, è stato ignorato che, secondo molti sondaggi, quattro italiani su cinque sono contrari all’adozione di bambini da parte di coppie omosessuali.

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo