Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
Se "i grandi" minimizzano
 

Bullismo sul bus: la reazione dei genitori

12/06/2017  Una mamma si lamenta perché sul bus di linea del suo paese che porta a scuola i ragazzi delle medie, i più grandi danno fastidio ai più piccoli. Sono atti di bullismo, ma per certi genitori non è poi così grave.

Ho tre bambini. Vivo in un paese di montagna del Canton Ticino. Poiché non c’è lo scuolabus, i nostri vanno a scuola con l’autobus pubblico. Da noi è una prassi comune. Questo bus viene utilizzato dai ragazzi delle medie che spesso sottopongono i più piccoli a veri e propri atti di bullismo (minacce, parolacce, obbligo a spostarsi dai posti occupati, furti di merende dalle cartelle). Ho provato a parlare con alcuni genitori, senza risultato. Un papà ha detto che anche lui era un “piccolo teppistello” ed è comunque cresciuto bene. Parliamo tanto con i nostri bambini di questi fatti, loro si sfogano con noi, ma pensiamo che si dovrebbe fare di più per gestire questa situazione.

COSTANZA

— Cara Costanza, il problema che racconti è frequente. Sui bus pubblici spesso si verificano atti di prepotenza e bullismo poiché mancano figure educative, e ciò consente ai ragazzi prepotenti di utilizzare questi spazi come “zone franche”, dove fanno quello che vogliono. Il conducente si deve occupare della guida del mezzo e non può essere incaricato della gestione della disciplina a meno che non si verifichino forti intemperanze. Purtroppo, come scrivi tu, anche parlando con i genitori dei ragazzi prepotenti non si riesce ad attivarne la responsabilità educativa. Credo che per i vostri bambini abbia un grande valore poter parlare con voi e sentire accolto il loro bisogno di essere ascoltati e “validati” rispetto alle emozioni intense che questi comportamenti provocano in loro. L’unica strategia è sensibilizzare gli adulti che viaggiano su questi bus affinché facciano sentire che, pur in mancanza di persone con funzioni educative ufficiali, i maggiorenni presenti sul mezzo “sanno fare il loro mestiere” e rimettono ordine quando è necessario. Potreste accordarvi tra genitori affinché per due settimane una mamma o un papà dei più piccoli sia presente alla fermata e salga sul mezzo insieme a tutti gli studenti. Quell’adulto si incaricherà di fare un intervento correttivo e di porre dei limiti a tali trasgressioni. I preadolescenti sbruffoni sono in realtà molto “colpiti” dall’intervento di adulti che li riprendono per i loro comportamenti scorretti e si rimettono velocemente “in carreggiata”. Lo spiega Mattia Lancini nel suo libro Abbiamo bisogno di adulti autorevoli (Mondadori Ed.). Vi consiglio farlo leggere ai genitori dei ragazzi prepotenti che, a quanto scrivi, non sanno proprio cosa sia l’autorevolezza. Potreste anche incaricare per un mese un educatore di viaggiare sui bus per attivare un intervento “educativo di strada” (ovvero, contestuale e al di fuori di un setting specifico).

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo