Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 20 aprile 2024
 
Schermi all'aperto
 

Quel furgoncino di Libera che porta il cinema nelle piazze durante l'estate

23/06/2023  La diciottesima edizione di Libero Cinema in Libero Terra è una rassegna itinerante di film, quest'anno quasi tutti di registe. Tra i centri raggiunti da Cinemovel , Modica, Polistena, Caprarica di Lecce, Perugia, Sorbolo...

Le sale cinematografiche stanno scomparendo anche dalle grandi città, e nei piccoli centri non ci sono più da tempo. Eppure, soprattutto in estate, la magia del grande schermo all'aperto attrae sempre tanti spettatori. A portare il cinema a domicilio con un furgoncino ci pensano da diciotto anni Cinemovel Foundation e Libera con l'iniziativa Libero Cinema in Libera Terra, la più longeva rassegna di cinema itinerante Dall’11 al 20 luglio il cartellone dei film proposti vedrà protagoniste opere prime di registe italiane  

LA STORIA
Tutto ebbe inizio nel dicembre 1997. Elisabetta Antognoni e Nello Ferrieri, fondatori di Cinemovel Foundation, si trovano in viaggio in Madagascar. Entrambi appassionati di cinema, una sera decidono di andare a vedere un film nella piccola città di Majanga, in un cinema sgangherato dove c’è però una grande partecipazione del pubblico. «In Africa è possibile proiettare all’esterno sempre e il cinema è un aggregatore. Perché non usare questo strumento per portare cultura?» ricorda Nello Ferrieri. Il furgone di Cinemovel inizia a girare per l’Africa portando il cinema nei villaggi per sensibilizzare e informare su tematiche attuali come il tema dell’HIV. Dal 2006 la carovana approda in Italia e inizia la collaborazione con Libera, la rete di associazioni contro le mafie fondata da don Luigi Ciotti. «Il progetto di Cinemovel è necessario per educare, informare ma anche graffiare le coscienze  e stimolare il cambiamento. Perché la conoscenza fa scattare la consapevolezza e la consapevolezza innesca la responsabilità» afferma don Luigi Ciotti. È su questi valori che si fonda Cinemovel ed è per questo motivo che Ettore Scola è stato presidente onorario. Per diciotto anni, ogni estate, la carovana di Cinemovel ha portato la cultura del cinema nelle piccole città e paesi, nei territori sequestrati alle mafie. «Una delle tappe che non dimenticherò mai fu quando la carovana approdò a Corleone, vedere quell’immagine positiva, di condivisione di emozioni, di connubio tra cinema e bellezza che fa crescere la dimensione dell’impegno per il bene comune» prosegue don Ciotti.
 

I numeri di Libero Cinema in Libera Terra

E così il cinema itinerante più longevo d’Italia diventa maggiorenne con un patrimonio relazionale di 228 tappe, 94 comuni raggiunti, 16 regioni attraversate, 170 film proiettati, 157.000 chilometri percorsi, e una comunità di oltre 100.000 persone, tra spettatrici e spettatori dal vivo e on line, che disegnano una mappa dell’Italia che vuole cultura, legalità, giustizia. La diciottesima edizione cade in un momento particolare per il nostro Paese. Gli ultimi rapporti sulla Povertà Educativa convergono su un dato preoccupante: oltre il 50% ragazzi e ragazze in età scolare, non è mai entrato in un cinema. «Proprio per questo motivo Cinemovel durante l’anno svolge laboratori di cinema nelle scuole e durante l’estate portiamo noi il cinema in quelle città o paesi dove il cinema non c’è più” afferma Elisabetta Antognoni. Il cinema che cambia le persone, che trasforma le emozioni in sentimenti, è questa l’eredità che Cinemovel Foundation vuole custodire . Per questo motivo, durante ogni tappa, verrà chiesto agli spettatori di lasciare una testimonianza sulla “prima volta al cinema” con l’obiettivo di creare un archivio emozionale collettivo. 

Una rassegna al femminile

La diciottesima edizione di Libero Cinema in Libero Terra parla al femminile, infatti nel cartellone troviamo un gran numero di giovani registe come Laura Samani, vincitrice del David di Donatello per il miglior regista esordiente nel 2022, con il film Piccolo corpo.

Le tappe previste sono: Messina 11 luglio, Modica (RG) 12 luglio, Polistena (RC) 13 luglio, Caprarica di Lecce 15 e 16 luglio, Ancona 17 luglio, Perugia 18 luglio, Sorbolo (PR) 19 luglio, Torino 20 luglio.

Messina 11 luglio, SETTEMBRE di Giulia Steigerwalt (Italia, 2022, 110 minuti).
A Messina l’apertura del Festival l’11 luglio, qui Libero Cinema in Libera Terra monterà lo schermo in un terreno confiscato alle mafie nella periferia sud della città, restituito alla comunità e destinato a orti sociali e spazi di memoria
Modica (RG) 12 luglio Serata Corti di Libero Cinema per spettatrici e spettatori dai 4 ai 99 anni
Polistena 13 luglio, CONVITTO FALCONE di Pasquale Scimeca (Italia, 2012, 30 minuti). SAREMO GIOVANI E BELLISSIMI di Letizia Lamartire (Italia, 2018, 92 minuti) 
Caprarica di Lecce 15 luglio tappa nuova cinema e scuola: un’occasione per presentare i film SEMI DI POESIA e PASSAGGI realizzati con la direzione artistica di Davide Barletti e Claudia Mollese e la partecipazione delle ragazze e dei ragazzi delle scuole di Caprarica, Martignano e Maglie 
Caprarica di Lecce 16 luglio IL TEMPO DEI GIGANTI di Davide Barletti, Lorenzo Conte (Italia, 2023, 90 minuti
Ancona 17 luglio, AMANDA di Carolina Cavalli (Italia, 2022, 94 minuti)
Perugia 18 luglio tappa nuova la carovana di Libero Cinema in Libera Terra fa tappa per la prima volta a Perugia, PICCOLO CORPO di Laura Samani (Italia, Francia, Slovenia 2021, 89 minuti) 
Sorbolo (PR) 19 luglio tappa nuova, BELLA CIAO - PER LA LIBERTÀ di Giulia Giapponesi (Italia 2022, 100 minuti)
Torino 20 luglio tappa nuova IL CERCHIO di Sophie Chiarello (Italia 2022, 108 minuti)
 
 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo