Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Domenica della Parola
 

Bibbia, un giorno per gustare la Parola di Dio

28/09/2018  L’iniziativa voluta da Bergoglio. Il 30 settembre si celebra la Domenica della Parola. Al Refettorio Ambrosiano un’anteprima interreligiosa

Aprire la Bibbia per chi crede è come varcare la soglia di una porta che si affaccia sul mistero di Dio; dalle pagine dell’Antico Testamento a quelle del Nuovo, essa è custode dell’identità dei credenti e luogo della manifestazione del Signore. Ecco perché, per il secondo anno, il 30 settembre, rispondendo all’appello di papa Francesco, i Paolini e la Comunità di Sant’Egidio promuovono in tutta Italia La Domenica della Parola, una giornata di festa e celebrazione per rimettere al centro della vita l’ascolto della Sacra Scrittura, attraverso esperienze e momenti di lettura, approfondimento e riflessione spirituale da vivere in comunità (per info, numero verde gratuito 800.50.96.45 e servizio.clienti@stpauls.it).

I testi sacri hanno nutrito anche gli ospiti del Refettorio Ambrosiano di Milano, che domenica 16 settembre, in una “maratona” lunga 12 ore, hanno ascoltato donne e uomini di diverse religioni alternarsi nel declamare passaggi fondamentali del proprio credo. Testi che hanno formato la coscienza di intere generazioni e che rischiano, per ignoranza e pigrizia, di essere dimenticati nelle librerie di casa e dalla nostra memoria. Ecco allora avvicendarsi cristiani, ebrei, musulmani, buddhisti e induisti, gli uni accanto agli altri all’insegna della condivisione nella cornice del Refettorio Ambrosiano, un luogo dove il cibo che sta per essere dimenticato e scartato, come i testi sacri, acquista di nuovo valore. Grazie all’arte e al lavoro dei migliori cuochi al mondo, viene messo in tavola a disposizione del povero perché possa rifocillarsi, ritrovando nuovo vigore.

«Il cardinale Carlo Maria Martini, che mi ha ordinato sacerdote, già nel 2002 disse: “Bisogna che l’Europa riscopra la Bibbia”» ha commentato don Giuliano Savina, parroco a Greco e presidente dell’Associazione per il Refettorio Ambrosiano che ha organizzato la 12 ore con Fondazione Terra Santa, Fondazione Carlo Maria Martini, Associazione Biblica della Svizzera italiana, Pontificio Istituto missioni estere e Benhashmashot Teatro ebraico a Milano. «Con la “maratona” del 16 settembre abbiamo aiutato tutti a riavvicinarsi alla Bibbia e agli altri testi sacri. Perché io posso entrare in dialogo con te solo nella misura in cui imparo ad ascoltarti come tu ti ascolti e non come io voglio che mi ascolti». E ha concluso: «Un esercizio che genera amore e gratuità, conoscenza. E favorisce la nascita di un’umanità nuova».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo