Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 19 aprile 2024
 
 

Quel mondo infame dietro Roma capoccia

10/12/2014  La mafia connection che lucrava su nomadi e rifugiati

In principio era la banda della Magliana, la sanguinaria banda di criminali che si spartiva il traffico di droga della capitale negli anni ’70 e ’80, animati da personaggi di un’epopea raccontata in Romanzo criminale: il Libanese, il Nero, il Camaleonte.
Quarant’anni dopo le gang della Magliana hanno fatto un salto di qualità: non hanno più bisogno di contatti con la camorra e Cosa nostra, sono diventate mafia esse stesse.

Non si uccide più, perché il sangue attira le indagini della Polizia e delle Procure e gli affari si fanno in silenzio. Ma quello che colpisce della Roma connection che ruota intorno al “capo dei capi” Massimo Carminati, di questo verminaio di corruzione e malaffare politico scoperchiato dalla Procura di Roma è il prodotto: accanto all’usura e alla droga, ecco comparire il mercato di rifugiati e rom che garantisce appalti milionari sull’assistenza agli immigrati.

Quello che per l’Italia è un problema sociale, per il re di Roma Massimo Carminati e i suoi accoliti e ai suoi referenti del Campidoglio e della Regione è un business. A tanto è arrivato il marcio della malapolitica: a lucrare su uomini in carne e ossa.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo