logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
ALLARME MORBILLO
 

Quel "ringraziamento" a chi non vaccina i figli

22/03/2017  In uno studio pediatrico il medico e i familiari ringraziano con amaro "sarcasmo" tutti coloro che non vaccinano i figli contro il morbillo. Ricordando che un bambino ha appena rischiato la vita a causa loro.

Poche e sentite parole quelle che sono apparse in uno studio pediatrico  di Falconara:

«I pediatri dello studio medico “G. Galilei”, il papà, la mamma del piccolo bambino ricoverato all’Ospedale “Salesi” in condizioni critiche perché contagiato dal morbillo ringraziamo sentitamente i genitori che non vogliono vaccinare i propri figli consentendo il dilagare di una malattia che nel 2017 sarebbe dovuta essere estinta»

Le dure parole hanno origine nel recente “allarme morbillo” condiviso a livello nazionale dal Ministero della salute che parla di 700 casi dall’inizio dell’anno corrispondenti a un incremento, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, di oltre il 230%. L’aumento è dovuto, secondo il Ministro Lorenzin, al rifiuto del vaccino. Cresce infatti il numero di genitori che respinge l’immunizzazione, anche grazie a una campagna sui social dettata e accolta condivisa e e diffusa per ignoranza e superficialità.

Il bambino, di soli sei mesi, è in una età tale per cui non è possibile somministrare il vaccino (viene fatto a 15 mesi). Ricoverato all'ospedale pediatrico Salesi di Ancona, per fortuna, ora sta bene. Ma ha corso un grosso rischio.

Fausto Francia, infatti, presidente della Società Italiana di Igiene (Siti), rivolgendosi a genitori e famiglie, interviene così:  «La malattia è sottovalutata ma dà complicanze non piccole, dalle polmoniti alle encefaliti». E  aggiunge: «Bisogna sicuramente investire nei centri vaccinali, che in questi ultimi anni sono stati trascurati e che sono invece il presidio giusto per invertire la tendenza il blocco delle assunzioni ha portato a concentrare le risorse in settori di primo impatto, ma oggi servono pediatri e medici igienisti per vaccinare. Questo non è solo un costo ma anche un investimento che permetterà poi di risparmiare in futuro, anche se qualche volta è difficile trasmettere questo concetto».

Andrea Iacomini, portavoce Unicf Italia aggiunge che I nuovi dati diffusi non fanno che confermare la serietà dell'allarme che esperti, autorità sanitarie e organizzazioni come la nostra hanno lanciato più volte in questi ultimi anni e dichiara: «Il morbillo sta tornando a minacciare la salute e la vita dei nostri bambini, e se la copertura vaccinale continuerà a calare c'è il rischio concreto di tornare a vedere nel nostro paese scene che speravamo di avere scacciato per sempre: famiglie che piangono la scomparsa di un figlio per colpa di una malattia che si sarebbe potuta evitare con un semplice vaccino gratuito. Il morbillo, ricordiamolo, non è un banale raffreddore. Non esiste una medicina specifica per combatterlo, e nei bambini più piccoli e con difese immunitarie più fragili può avere complicanze letali», prosegue Iacomini.

Iacomini ricorda, inoltre che «Nel mondo, il morbillo uccide ogni anno circa 132.000 bambini: 15 all'ora, ogni ora di ogni giorno dell'anno. E appena 25 anni fa, quando abbiamo ingaggiato la campagna globale per contrastare con le vaccinazioni di massa questa malattia, i tassi di mortalità da morbillo erano 5 o 6 volte superiori. Sarebbe davvero tragico se dopo avere lottato senza tregua per ridurre drasticamente gli effetti del morbillo ovunque nel mondo, dovessimo constatare che per pregiudizio e ignoranza abbiamo lasciato entrare nuovamente il morbillo elle nostre case. Siamo a favore di qualunque misura che il ministero della Salute vorrà intraprendere per proteggere i bambini in Italia da questa rinnovata minaccia».

I vostri commenti
62

Stai visualizzando  dei 62 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo