Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 25 luglio 2024
 
bergamo
 

Quel sabba per famiglie, ritorno al paganesimo

03/06/2023  È l’allarme lanciato da padre Francesco Bamonte, presidente dell’Associazione internazionale esorcisti, in merito alla manifestazione "Strigarium" che si terrà dal 9 all’11 giugno a Casirate d’Adda, in provincia di Bergamo

“Grande Sabba e grande inganno. Questa manifestazione, come altre analoghe che si svolgono in ogni parte d’Italia, fa parte di quel pericolosissimo fenomeno che è il revival neopagano. Non sorprende la scelta del luogo, non lontano dal fiume Adda e dal Santuario mariano di Caravaggio, nel cuore di una regione, la Lombardia, dove certe ‘mode celtiche’ presentano anche addentellati politici”.

È l’allarme lanciato da padre Francesco Bamonte, presidente dell’Associazione internazionale esorcisti, in merito allo Strigarium che si terrà dal 9 all’11 giugno a Casirate d’Adda, in provincia di Bergamo. La manifestazione promuove, a detta degli organizzatori, “la conoscenza delle antiche tradizioni, culti e rituali che l’uomo ha sviluppato nel corso della storia e che sono giunti fino ai nostri giorni”. Il programma prevede eventi, spettacoli e laboratori per adulti e bambini, e pure un’area verde dove la gente potrà “rilassarsi”, gustando birra e “golose prelibatezze”.

In un commento all'agenzia Sir, padre Bamonte mette in guardia da “eventi come questo che propongono l’esoterismo in chiave positiva”: “La stregoneria viene ad esempio presentata sotto un aspetto affascinante, quasi fosse una religione della natura e un’emancipazione della donna. Questi ‘festival’ coinvolgono famiglie con i figli per confondere nelle menti e nei cuori dei giovanissimi il concetto di bene e di male. E poi ci sono l’industria e il mercato della magia. Alla manifestazione non dubitiamo saranno presenti maghi, cartomanti, medium, fattucchieri, a caccia di potenziali clienti”. “Dobbiamo ricordare che queste pratiche non sono solo espedienti per facili guadagni – conclude il presidente dell’Aie -: non si può infatti escludere un intervento straordinario del maligno, che causerà – anche a distanza di tempo – sulle persone fenomeni di vessazione, ossessione o possessione diabolica, e sui luoghi fenomeni di infestazione locale”.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo