logo san paolo
lunedì 29 novembre 2021
 
La foto
 

Quel sorriso alla mamma che fa sperare

19/07/2018  È la foto di Bente Marei Stachowske terza classificata del “Single Shot Award | Giving voice to values, giving voice to hope” al Festival di fotografia etica di Lodi. Un’immagine che parla di gioia, innocenza e futuro.

Madre e figlia salve a bordo della nave Sea Eye. Indossano ancora abiti bagnati: un misto fra urina, carburante e acqua salata che riempivano l’interno del gommone durante il tragitto. Non sappiamo da dove vengano né dove fossero dirette. Quante ore abbiano viaggiato e cos’abbiano visto in quella trasferta della vita e della morte. Nonostante tutto, però, la bambina sorride ancora come ogni bambino sorride alla propria mamma. Entrambe sono state salvate, insieme ad altre 125 persone, dall’equipaggio della Sea Eye che ha fornito loro giubbotti di salvataggio e acqua. Sette i bambini a bordo, 19 le donne di cui alcune in stato di gravidanza. «Un’immagine che parla di gioia, innocenza e futuro» è stata la motivazione. «Racconta e condensa delicatamente la potenza di un sorriso, la forza dell’amore e una delle più importanti sfide per il nostro futuro: l’immigrazione».

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo