logo san paolo
mercoledì 08 luglio 2020
 
 

Quando etica e profitto s’intrecciano

17/05/2012  Imprese con l'anima: in vista del premio Sodalitas social award le proposte alternative per offrire, cercare e vivere il lavoro in modo diverso. Le storie più significative.

Parola d'ordine: coesione sociale. La decima edizione del Sodalitas social award è stata ancora una volta l'occasione per fare il punto sulle più interessanti ed efficaci esperienze di responsabilità sociale applicata al mondo delle imprese in Italia. E proprio in virtù dello spirito che ha attraversato tutti i momenti della manifestazione di lunedì 14 maggio, i rappresentanti delle imprese che aderiscono a Fondazione Sodalitas hanno consegnato al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano un premio speciale per aver favorito, nel corso del suo mandato, una spinta costante all'unità del Paese tra le articolate componenti della società italiana.

«Esprimendo soddisfazione per il riconoscimento ricevuto, il Presidente ci ha anche manifestato il suo apprezzamento per le tante iniziative di impegno sociale che le imprese grandi medie e piccole aderenti a Sodalitas hanno realizzato in questi anni - ha affermato Diana Bracco, presidente di Fondazione Sodalitas - Le parole del Presidente ci hanno riempito di orgoglio e ci spingono a continuare con sempre più vigore il nostro lavoro nella consapevolezza che il modo più autentico di ‘fare impresa’ è quello responsabile e sostenibile, l’unico che potrà aiutarci a superare la crisi. L’unico che può dare un futuro ai giovani».

Per scoprire alcuni degli esempi virtuosi del nostro sistema, bisogna fare un passo indietro, al giorno della premiazione del Sodalitas social award, lunedì a Milano all'auditorium di Assolombarda, alla quale hanno partecipato imprenditori, amministratori, economisti, giornalisti, politici che hanno portato il loro punto di vista su argomenti di stretta attualità: riflettori sempre puntati sul tema del welfare. O meglio, su proposte alternative al modo tradizionale di offrire, cercare e vivere il mondo del lavoro. Delle 199 aziende candidate con 253 progetti presentati, solo otto sono stati scelti per aver contenuto, operando in modo concreto, gli effetti della crisi con benefici tangibili per gli individui e le comunità in cui sono inserite.

Mare, spiaggia, relax e... chilometri di automobili in coda su strade e autostrade con l'aria condizionata "sparata" e concentrazioni di inquinamento da grande città. Per ovviare almeno in parte a questo problema l'Associazione albergatori di Riccione in collaborazione con i colleghi della Riviera di Rimini hanno promosso l'iniziativa "Al mare in treno". Tra le iniziative virtuose, il rimborso del biglietto ferroviario di andata a tutti i clienti che avessero prenotato almeno una settimana di vacanza in mezza pensione o pensione completa.

 

Oltre Kyoto c'è di più

Se da un lato gli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto in tema di emissioni di Co2 per il 2020 appaiono ai più, società civile e analisti inclusi, un miraggio per molte realtà, tra cui non fa eccezione quella italiana, dall'altro c'è chi, muovendosi per tempo, prova a prendere in contropiede l'inquinamento. Il gruppo Sofidel è la prima azienda del nostro Paese a cui è stata concessa l'autorizzazione a far parte del WWF International climater savers: un programma che propone alle grandi aziende di adottare, a prescindere dal disposto del Protocollo e per puro spirito di responsabilità tutte le misure necessarie a ridurre drasticamente le emissioni inquinanti. Sofidel, tra il 2010 e il 2011 ha avuto un salto qualitativo in avanti abbassando del 7% le emissioni di Co2.

 

Comunità

"Un cuore in stazione" è un progetto nato nel 2008 dalla partenership tra Ferrovie dello Stato italiane e “Enel nel cuore onlus”: in questi quattro anni l'obiettivo è stato il reinserimento sociale delle persone senza fissa dimora in dieci stazioni all'interno delle quale sono stati ristrutturati e resi funzionali alcuni spazi dedicati. È così che è nato il Piano di azione nazionale.

 

Sostegno della persona

Nordiconad ha coinvolto nella sua idea il Comune di Bologna, il Ceis, l'Azienda Usl, l'Associazione italiana amici dei bambini e i Centri per l'impiego. Obiettivo: inserire nel tessuto sociale ed economico minori a rischio. L'assenza o la mancanza di una famiglia alle spalle ha reso il percorso di questi ragazzi più difficile dei loro coetanei e, toglierli dalla strada, allontanarli dai giri pericolosi, attraverso proposte di integrazione che vadano incontro alle loro esigenze e aspirazioni è una missione che in dieci anni di attività ha offerto un'occasione a oltre 500 ragazzi. Solo nel 2011 hanno aderito all'iniziativa 12 punti vendita tra le province di Bologna e Ferrara con 91 borse lavoro.

Case con vista sul presente e sul futuro. In un mondo in cui le fonti di energia rinnovabili sono ancora scarsamente utilizzate rispetto alle potenzialità, Filca cooperative ha puntato dritto in questa direzione con il progetto "Biocasa". Le quasi 5.000 case che finora sono state consegnate hanno consentito di risparmiare qualcosa come 3.499 tonnellate di anidride carbonica che, stando alle stime degli esperti, corrisponderebbero a 349.900 alberi in più sul nostro pianeta.


Italcementi combatte la mafia

Sapere con chi si sta trattando, poterlo guardare negli occhi, valutarne in modo approfondito l'affidabilità: dovrebbero essere alla base di ogni trattativa. Eppure, è proprio in queste "sacche" di mercato che si è registrato negli ultimi anni un aumento sensibile delle infiltrazioni della criminalità organizzata. Per porre in freno a questo fenomeno e garantirsi preventivamente, Italcementi ha richiesto a un'apposita commissione la stesura di un Codice antimafia per le imprese: i fornitori sono avvisati.

 

Responsabilità sociale ed Enti locali

Da novembre a febbraio: sono questi i mesi che spaventano di più i senza fissa dimora e, nel caso di Milano, anche l'amministrazione comunale che ha voluto lanciare un segnale forte nella direzione dell'accoglienza: "Una rete per dormire in un letto" ha consentito a 2.400 persone di trovare riparo nei centri di accoglienza notturna, 500 delle quali sono state letteralmente "prelevate" dalla strada dove il freddo avrebbe potuto ucciderle. Sette unità mobili e due diurne hanno lavorato incessantemente per tenere sotto controllo il territorio e avere una mappa degli eventuali spostamenti dei senza fissa dimora. Qualche numero in più: 1.500 visite mediche, 1.200 controlli antitubercolari mediante test Mantoux, 15 mila capi di vestiario donati dai cittadini, 8 mila chili di derrate alimentari distribuite, 17 mila confezioni di farmaci impiegate.

 

Coesione sociale

Quando una buona idea di business si coniuga con finalità sociali è il massimo: il progetto "De Medici" Mellin ha creato nuovi posti di lavoro destinati a over 50, disabili ed ex detenuti. Il risultato è stato che un esperimento nato in Lombardia potrebbe arrivare presto ad assumere carattere nazionale: i dati aziendali dicono infatti che si è registrato un aumento delle vendite del 6%, che il gap tra concordato e assortimento reale si è ridotto del 50% e l'out of stock del 33%. 

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%