logo san paolo
venerdì 15 novembre 2019
 
 

Racket, quanti pagano. E quanto

15/04/2010  La mappa del "pizzo" a Palermo e in Sicilia.

Un'operazione anti racket a Palermo.
Un'operazione anti racket a Palermo.

Ventitrè miliardi di euro. Tanto vale il business del racket e dell'usura nel bilancio totale della 'Mafia spa'. 'Pizzo' e strozzinaggio sono naturalmente solo una parte del volume d'affari complessivo stimato in 135 miliardi di euro, cifra che comprende ovviamente tutte le altre fonti di guadagno illecito della criminalità organizzata (di cui la parte del leone la fa sempre la droga, con 60 miliardi). E' quanto risulta dall'ultimo rapporto (il XII°) di Sos Impresa, relativo all'anno 2009.

Il dossier riporta altri dati di grande interesse: ad esempio gli ambiti d'investimento e d'infiltrazione nel mondo imprenditoriale da parte della criminalità organizzata, che vanno dalla filiera dell'agroalimentare ai servizi alle imprese e alla persona, dagli appalti per le forniture pubbliche al settore immobiliare e finanziario. Quanto ai reati, secondo Sos Impresa la mafia ne commette 1.300 al giorno, cioè 50 ogni ora.

Tornando a racket e usura, in realtà fra le due voci è l'usura quella che frutta di più, con un introito di 15 miliardi di euro. Il racket ne frutta 9. Il 2009 è stato, purtroppo, l'anno del boom dell'usura, con oltre 200 mila commercianti finiti vittima degli strozzini della mafia. Emerge, tra l'altro, il fenomeno dell'usura 'a giornata': denaro prestato al mattino e richiesto la sera, con un ricarico del 10 per cento.

Il racket delle estorsioni, invece, non risulta in crescita, ma rimane di notevoli proporzioni: dei 9 miliardi di euro di proventi illeciti, quasi 6 sono a danno dei commercianti. I 'taglieggiati' sono circa 150 mila. La novità che emerge dal Rapporto di Sos Impresa è che si sta trasformando e adeguando ai tempi anche il 'sistema' del pizzo. Incalzati dalla crescita di denunce e dall'azione delle Procure, gli estorsori si adattano: 'mascherano' il pizzo sotto forme di offerta di beni e servizi da imprese create apposti dai 'picciotti', oppure sotto le vesti di iscrizioni e donazioni a inesistenti associazioni e club.

Nella sola Sicilia, sempre secondo i dati di Sos Impresa-Confesercenti, i commercianti vittima di racket sono 50 mila, il 70 per cento del totale. Palermo è tra le 'zone rosse' dell'estorsione, cioè fra quelle più colpite, insieme alle province di Trapani, Agrigento, Caltanissetta, Catania e Messina. Insomma, oltre la metà dell'isola. Quanto, infine, alle tariffe, a Palermo un normale negozio paga fra 200 e 500 euro al mese, per salire a 750-1.000 se è in centro città. Il pizzo pagato da un supermercato si aggira sui 5.000 euro, quello di un cantiere aperto arriva a 10.000.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
CREDERE
€ 88,40 € 52,80 - 40%
FELTRO CREATIVO
€ 22,00 € 0,00 - 18%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%