Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Scuola
 

Abbandono di minore: cosa significa

15/11/2017  Qual è l'età giusta per uscire soli da scuola? Vediamo che cosa è esattamente l'abbandono di minore che mette in agitazione scuole e famiglie.

Mentre i bambini delle elementari sono accompagnati e prelevati a scuola dai genitori, i ragazzi che frequentano le medie (11-14 anni) generalmente tornano a casa da soli. Di recente alcune istituzioni scolastiche, spaventate dalla possibilità che preside e professori siano considerati responsabili qualora i ragazzi si facciano male nel percorso verso casa, hanno intimato ai genitori di riprendere i figli che, diversamente, non potranno lasciare la scuola. Molti genitori contestano la restrizione e affermano che il figlio è perfettamente in grado di tornare a casa da solo.

Cosa dice in proposito la legge attuale in attesa dell'emendamento?

Non esiste una disposizione specifica sul problema “uscita da scuola”, ma è necessario rifarsi a norme di carattere generale. La prima è l’art. 591 del Codice penale che considera reato abbandonare una persona minore degli anni 14 della quale «si abbia la custodia o si debba avere cura». Bisogna capire, però, che cosa si deve intendere per abbandono. In proposito la Cassazione ha chiarito che può anche essere temporaneo e che deve «esporre a pericolo anche solo potenziale» la vita e l’incolumità fisica del ragazzo.

Quindi, se certamente non si può lasciare un bambino di 6 anni solo sul marciapiede di una metropoli, si espone a pericolo un ragazzo di 13 lasciandolo tornare da solo in un piccolo paese? Il fatto che i genitori abbiano rilasciato una liberatoria non necessariamente esclude la responsabilità della scuola in presenza di una situazione di pericolo, ma può essere utile se i genitori dichiarano che il figlio è in grado di tornare a casa. La responsabilità nei confronti dei minori degli anni 14 è graduata sull’età e sulla situazione concreta. Pertanto, una eventuale responsabilità della scuola dovrà essere esaminata caso per caso.

Non va dimenticato infine che, secondo l’art. 2048 del Codice civile, i genitori e gli insegnanti (per il tempo in cui i ragazzi sono loro affidati) sono responsabili del danno che i minori cagionino ad altri.

COSA DICE IL CODICE

E A 14 ANNI SI DIVENTA ANCHE IMPUTABILI

Una volta compiuti i 14 anni il ragazzo è ammesso a fare molte cose e assume maggiori responsabilità. A 14 anni compiuti si diventa imputabili, quindi responsabili delle proprie azioni sotto il profilo penale e, d’altro canto, si può presentare querela. A 16 anni si può lasciare la scuola e si può entrare nel mondo del lavoro con il consenso dei genitori, che devono sottoscrivere il contratto. I giudici, infatti, hanno chiarito che, se può essere parte di un rapporto di lavoro, il minore non può disporre dei propri diritti senza l’intervento del rappresentante legale, ovvero i genitori. La Suprema corte ha, per esempio, escluso che il minore possa sottoscrivere una quietanza di pagamento. A 16 anni, sia pur con l’autorizzazione del giudice tutelare e “per gravi motivi”, ci si può sposare.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo