Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 aprile 2024
 
Ignoranza e Razzismo
 

«No ai bambini neri sulle barrette Kinder». Sono Boateng e Gündoğan da piccoli

27/05/2016  Succede in Germania: la Ferrero fa una campagna delle sue barrette Kinder dedicate alla Nazionale che giocherà ai prossimi Europei. E mette le foto dei calciatori da piccoli. Ci sono anche due noti campioni e i razzisti insorgono contro l'azienda di cioccolato. L'ignoranza xenofoba non si ferma neanche davanti al sorriso di un bambino.

Sulla confezione delle barrette di cioccolato al latte non c’è più il solito visetto del bimbo biondo e rassicurante che ha accompagnato intere generazioni? E “peggio”, compaiono i dolci sorrisi di due bimbi troppo scuri?   In Germania qualcuno è insorto contro la Kinder per aver utilizzato bambini di un’altra razza sulle celebri scatole.
Si tratta del movimento xenofobo Pegida (acronimo di Patriotische Europaer gegen die Islamisierung des Abendlandes, europei patriottici contro l’islamizzazione dell’Occidente). Sulla loro pagina Facebook sono comparsi commenti del tipo “Bisogna davvero comprarle così?”, “Povera Germania, non ci si ferma davanti a niente”, “Non li compro più”, “Sono le foto dei futuri terroristi?”. Gli attacchi razzisti purtroppo hanno avuto gran seguito e la scia di commenti si sono moltiplicati.

Orribile che il razzismo si scateni così anche davanti al viso di un bimbo. E anche quando si tratta, come in questo caso di sport, una passione che dovrebbe unire tutti i popoli. Infatti, per fortuna sono arrivate subito tantissime repliche in difesa della Ferrero e della sua campagna, nata  per lanciare le famose barrette con le foto dei calciatori della Nazionale tedesca da piccoli. I due bambini infatti erano nientemeno che Jerome Boateng  difensore del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca, con cui si è laureato campione del mondo nel 2014, padre ghanese e madre tedesca, e Ilkay  Gündoğan,  tedesco di origine turca, centrocampista del Borussia Dortmund e della Nazionale.  Sono due tra i più grandi campioni dello squadrone tedesco, rappresentato sul cioccolato Kinder anche da tanti altri bambini-calciatori della squadra che si presenterà ai prossimi Europei. Sul sito on line tedesco della Kinder c’è anche un gioco per i più piccoli dedicato allo sport del pallone.

Sui social qualcuno ha zittito tutti dicendo: “Chi si scaglia contro le foto di Boateng e Gundogan non è un nemico degli stranieri, ma un traditore del popolo tedesco”.  

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo