logo san paolo
mercoledì 01 febbraio 2023
 
 

Rc Auto, polizze uguali dal Nord al Sud

28/06/2011  Una sentenza della Corte di giustizia ha stabilito che chiedere premi diversi in base a residenza, età e sesso è una “discriminazione”

Il premio dell’assicurazione non può cambiare in base al sesso, all’età e al luogo di residenza. In caso contrario, si tratta di una discriminazione. Come ha fatto sapere oggi AssoConsumatorItalia, è questa la novità arrivata dalla Corte di Giustizia di Strasburgo nell’ambito di una decisione su un ricorso presentato da un’associazione belga di consumatori.

Nel dettaglio, spiega AssoConsumatorItalia, «la Corte ha stabilito l’invalidità dell’articolo 5.2 della direttiva del Consiglio 13 dicembre 2004 (2004/113/CE), la quale vieta ogni discriminazione fondata su residenza, sesso ed età del cliente in materia di accesso a beni e servizi, nonché alla loro fornitura». E visto che l’articolo 5.2 consentiva una deroga proprio in presenza di dati attuariali e statistici affidabili, aggiornati e a disposizione del pubblico, tutto questo «è ormai invalido e quindi a cascata saranno invalidate tutte le leggi di recepimento nazionali (in Italia è il D.lgs. 196/2007) a partire dal 21 dicembre 2012».

Una sentenza che potrebbe avere effetti importanti anche nel nostro Paese, dunque, visto che le assicurazioni utilizzano propri criteri di questo tipo per determinare i premi. Ora non resta che aspettare come si comporterà il nostro Paese in seguito a questa decisione.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo