logo san paolo
giovedì 26 maggio 2022
 
 

RC Auto: progetto Aci per abbattere i costi

16/04/2012  Il decreto liberalizzazioni non basta: l’Aci presenta un progetto di legge diviso in quattro punti destinato a ridurre i prezzi dell’RC Auto.

(informazione a cura di Facile.it)

 

 

Le riforme del decreto liberalizzazioni in materia RC Auto non bastano. Per venire incontro ai guidatori italiani, alle prese con gli effetti negativi della crisi e con polizze ancora troppo care, l’Automobile club d’Italia (Aci) ha pensato bene di studiare un nuovo progetto di legge, dedicato proprio al contenimento dei premi delle assicurazioni.

Innanzitutto si punterà alla riduzione generale dei costi dei sinistri, con un apposito piano che secondo l’Aci arriverà a diminuire le tariffe in media del 30%, con punte del 40% in alcune zone del Paese. Maggiori dettagli in merito vengono forniti da Angelo Sticchi Damiani, presidente del Club: il decreto liberalizzazioni è intervenuto sui costi dell’RC Auto, ma è necessario prendere misure più decise soprattutto in determinate aree geografiche, e la lotta alle frodi rappresenta una parte fondamentale di questo progetto. Sempre secondo l’Aci, le novità introdotte nel corso del 2011 sono riuscite solo parzialmente nel loro intento di sgominare truffe e affini: il contrassegno elettronico andava approvato più velocemente, mentre la banca dati dei sinistri è uno strumento di grande utilità che però non funziona ancora a pieno regime.

Nello specifico, la proposta verte su quattro articoli. Il primo porterebbe a 90 giorni il limite massimo per la richiesta di risarcimento, contro i due anni attuali, al fine di limitare le azioni speculative che possono avere luogo anche molto tempo dopo l’avvenuto sinistro. Il secondo prevede che la perizia sulle cose danneggiate avvenga entro i cinque giorni successivi all’incidente, estendendo quindi l’odierno limite di due giorni. Il terzo articolo riguarda il risarcimento in caso di lesioni personali e ratifica che d’ora in poi solo una documentazione medica rigorosa (cioè un danno effettivamente accertato) darà accesso all’indennizzo. L’ultimo articolo disciplina il risarcimento dei danni in forma specifica, cioè la riparazione del veicolo presso una carrozzeria convenzionata con la compagnia assicurativa.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo