Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
dossier
 

Regionali, il test di Renzi per il partito della nazione

27/05/2015  Domenica 31 maggio si vota in sette Regioni e 13 capoluoghi di provincia. Un banco di prova per la politica del segretario-premier.

Al solito, anche le elezioni amministrative di domenica 31 maggio in sette Regioni (ma si vota anche in oltre mille Comuni) sono un test politico nazionale. Il segretario del Pd e premier Matteo Renzi sogna il sei a uno (il Veneto è dato per scontato al governatore uscente Zaia) ma le difficoltà non mancano, a cominciare dalla Campania, dove il candidato favorito del Pd Vincenzo De Luca (criticato per molte candidature “impresentabili”) deve vedersela contro il governatore uscente Stefano Caldoro.

Nelle Marche il favorito è il candidato Pd Luca Ceriscioli. Anche in Toscana, Puglia e Umbria non dovrebbero esserci sorprese. La vera sfida, per Renzi, è la Liguria, dove la candidata Raffaella Paita (colpita da avviso di garanzia e con la defezione polemica di Cofferati), affronterà il delfino di Berlusconi Giovanni Toti. L’orizzonte nazionale è un rimpasto di Governo in virtù dei nuovi equilibri. Anche in questo caso, nulla di nuovo.

Multimedia
L'Italia celebra la festa della Repubblica
Correlati
I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo