Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
 

Rendiamo visibile l'invisibile

01/08/2013  È lo slogan con cui Unicef ha lanciato la campagna #EndViolence Against Children. Perché si metta fine alla violenza sui minori, fenomeno spesso invisibile e impunito

Ripensi alla strage del dicembre scorso nella scuola di Newtown, Connecticut: 26 tra bambini e insegnanti uccisi, senza una ragione. O a Davide e Andrea, 12 e 8 anni, con tutta probabilità uccisi dal padre nel Bresciano, a Ono San Pietro, e poi bruciati nel loro stesso letto pochi giorni fa.

Rabbia
e indignazione aumentano a pensare che, per ogni episodio di violenza contro un minore arrivato all'opinione pubblica, decine e centinaia di abusi ogni giorno nel mondo restano impuniti, avvolti da un alone di invisibilità, le richieste di aiuto delle vittime inascoltate.

La violenza contro i minori non ha ragione, tanto meno giustificazione. La Convenzione Onu per i Diritti dell'infanzia e dell'adolescenza afferma chiaramente che ogni bambino, ovunque viva, ha diritto a essere protetto da qualsiasi forma di violenza.

Perciò Unicef ha lanciato la campagna di sensibilizzazione e mobilitazione #EndViolence Against Children, perché la rabbia e l'indignazione che suscitano gli episodi di violenza contro i minori non siano fini a sé stesse ma, al contrario, affinché istituzioni, governi e semplici cittadini del mondo prendano parte ad azioni globali o locali e si mettano in circolo nuove idee per porre fine agli abusi, di qualunque tipo, sui minori. Perché le vittime degli abusi abbiano finalmente una voce, e quella voce possa essere ascoltata.

I bambini vittime di violenza sono milioni in tutto il mondo. 150 milioni di bambine e 73 milioni di bambini minori hanno sperimentato violenza e sfruttamento sessuale, mentre si stima che ogni anno 1 milione 200 mila minori sono vittime del traffico di esseri umani. Eppure le statistiche e i dati a questo proposito sono pochi, scarsamente attendibili e di difficile reperimento. Il Rapporto Unicef ha quindi cercato di porvi rimedio.

Sbaglia chi crede che la violenza sui minori sia prerogativa quasi esclusiva del Terzo Mondo e dei Paesi in via di sviluppo. "In ogni Paese, in ogni cultura, la violenza contro i bambini esiste", ha affermato il direttore dell'Unicef Anthony Lake. Nessuna Nazione, nessuna cultura ne è immune: la violenza contro i minori è una malattia endemica della nostra società.

E le ferite psicologiche delle vittime, forse ancor più di quelle fisiche, avranno conseguenze drammatiche. Perché il virus della violenza sui minori si trasmetterà di generazione in generazione, i bambini oggi vittime di abuso, nel caso in cui siano riusciti a sopravvivere, domani saranno adulti vittime di abuso, che non riusciranno a lasciarsi alle spalle i propri traumi fino a quando l'invisibile non diventerà visibile e tutti noi, arresici di fronte all'evidenza, non decideremo di fare qualcosa di concreto e trovare un vaccino che una volta per tutte debelli la violenza contro i minori.

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.unicef.it

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo