Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
dossier
 

Renzi al Meeting: usciamo da 20 anni inutili

25/08/2015  L'Italia, dice alla platea di Rimini, deve recuperare il suo ruolo di "dispensatrice di bellezza" nel mondo e proporsi come interlocutrice di pace e di dialogo. Sulla politica migratoria non accenna ad arretramenti. "Perderemo tre voti, ma continueremo a salvare vite umane".

L’ex scout appassionato di La Pira Matteo Renzi si è presentato al popolo del Meeting di Rimini rivendicando la sua diversità culturale e identitaria. “Io al Meeting non ci volevo nemmeno venire”. Poi però, ha subito aggiunto, ci ha ripensato, e ha voluto partecipare, proprio in virtù di quella volontà di dialogo e di confronto e soprattutto nel riconoscimento che c’è “qualcosa di più grande dell’esperienza politica”: un orizzonte cristiano comune. Ha citato i tempi della scuola, le sue discussioni animate al liceo con i coetanei di Comunione e liberazione, ma anche i pregiudizi superati grazie al rapporto con il professore di religione del suo liceo legato a don Giussani, presente in platea. Forse non è scattato un feeling, ma gli applausi non sono mancati, soprattutto nella comune interpretazione del ruolo dell’Italia non come “falco” nello “scontro di civiltà” ma come soggetto dialogante a tutti i livelli: in Europa, nel Mediterraneo, nei Paesi del terzo Mondo.

Renzi ha riproposto il tema di molti suoi discorsi pubblici, a cominciare dalla Leopolda, evitando di toccare il tema delle unioni civili: quello di un Paese che ha girato a vuoto per vent’anni e che ora cerca di uscire dalla secche attraverso le riforme, a cominciare dall’Italicum e del Jobs Act, in nome della sua capacità di dispensare bellezza (non solo da un punto di vista artistico, ma nel senso di creatività e benessere). "L'Italia ha trasformato la Seconda Repubblica in una rissa permanente ideologica. Il Berlusconismo ha messo il tasto pausa al dibattito delle idee". Un leit motiv che è stato ripetuto anche a Rimini: “Quello che salverà il Paese è il prendere consapevolezza delle straordinarie forze di cui l’Italia dispone”. Sollecitato dalle domande del fondatore della Compagnia delle Opere Giorgio Vittadini, attualmente a capo della Fondazione per la Sussidiarietà, ha ribadito il ruolo del Paese in politica estera nel Mediterraneo e in Europa, dall’Egitto ai Balcani. Sulla politica di accoglienza dei profughi e dei disperati che attraversano il Canale di Sicilia per approdare sulle sponde italiane non ha mostrato arretramenti: “Noi possiamo perdere tre voti, non me ne importa nulla, ma prima dobbiamo preoccuparci di salvare delle vite umane, poi ci preoccupiamo del resto. Non è buonismo: è umanità”.  

Quello di Renzi, nella rappresentazione che ha saputo dare nel suo discorso di “politica alta” è un Paese che “sa dare bellezza” in un mondo “che chiede bellezza”, portatore di dialogo nei diversi conflitti, contrario alla “logica dei muri che finiscono per ingabbiare chi li costruisce” e soprattutto accogliente e solidale. Un Paese che rifiuta la paura, che opera per la pace e il dialogo e soprattutto rifiuta le contrapposizioni ideologiche. Trovando in tutto questo consonanza con lo spirito del Meeting. Non sono mancati, nel suo discorso, i passi in cui è ricorso alla “captatio benevolentiae”. Uno di questi è una frase di Chesterton, autore notoriamente apprezzato dal popolo del Meeting, come ha ricordato lo stesso Renzi: “Il mondo non finirà per mancanza di meraviglie ma per mancanza di meraviglia”. Per Renzi ciò che gli italiani devono fare è recuperare il senso della meraviglia, intesa come volontà di mettersi definitivamente alle spalle una stagione di risse ideologiche futili e inconsistenti (rappresentate dai talk show).  

Il discorso si è chiuso tra gli applausi e le incitazioni della platea (solo all’inizio si era sentito qualche fischio), suggellate dalle parole della presidente del Meeting Emilia Guarnieri: “Di fronte a chi sta cercando di tirare fuori il Paese dalla crisi noi ci siamo”.      

Renzi ha poi annunciato, una volta giunto a Pesaro: " Il prossimo anno togliamo Tasi e Imu per tutti. Non è possibile continuare questo giochino".

I vostri commenti
13

Stai visualizzando  dei 13 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo