logo san paolo
martedì 28 settembre 2021
 
Nuovo governo
 

Renzi alla Camera: «Fuori di qui attendono risposte»

25/02/2014  Dopo la fiducia incassata al Senato, il presidente del Consiglio interviene a Montecitorio pià cauto e compassato: lancia qualche frecciata al M5S, elogia Bersani, promette la riduzione del cuneo fiscale e delle tasse, annuncia il tour in giro per l'Italia e finisce citando Obama: "La pagina più bella dobbiamo ancora scriverla"

Senatori e analisti politici dicevano, lunedì, che non è questo il modo di presentare un programma di governo e chiedere la fiducia al Parlamento. Può darsi. Ma Matteo Renzi non voleva parlare ai senatori ma agli italiani. Forse non voleva neanche fare un discorso programmatico ma presentare semplicemente se stesso, l'ex rottamatore arrivato, sia pure per vie traverse e senza un passaggio elettorale, a Palazzo Chigi.

E nella replica di martedì pomeriggio alla Camera lo spartito non è cambiato affatto: «Fuori da qui», ha detto, «la gente si aspetta che la politica non sia un fiume di parole vuoto». Sono cambiate le note (citazioni assortite di don Milani, La Pira, Aldo Moro, Berlinguer e Chesterton) e lo stile (niente mani in tasca e sorrisi ironici) ma non la sostanza: «La nostra generazione non ha più alibi. Se non riusciremo la responsabilità sarà mia. Questo non è un atto di coraggio, ma di lealtà». Poi le solite frecciatine al Movimento 5 Stelle che in mattinata l'aveva infilzato dandogli del “figlio di Troika”: «Ringrazio Bersani per la sua presenza qui», dice Renzi. «Quando ho perso le primarie, lui non mi ha cacciato via. Siamo un partito democratico. Un po' di democrazia interna non fa male a nessuno, provatela».

Assieme ad “alibi” e “coraggio”, “fuori da qui” è la terza parola chiave dei discorsi di Renzi. “Fuori da qui”, cioè dal Palazzo – ecco il leit motiv del premier – c'è il Paese reale che io conosco molto bene perché ho fatto il sindaco per lunghi anni e so cosa significa stare in mezzo alla gente e ai suoi problemi quotidiani. “Fuori da qui” è un modo di marcare la distanza tra l'enfant prodige della politica che vuole cambiare l'Italia e la politica politicante che promette tanto e non fa mai nulla. Per questo Renzi annuncia che da mercoledì andrà in giro per l'Italia ad incontrare le «forze vive» del Paese: aziende in difficoltà, ex colleghi sindaci, lavoratori, imprenditori, insegnanti. Prima tappa: Treviso. E annuncia che il primo viaggio all'estero sarà a Tunisi, «nel cuore di quel mare nostrum che noi speriamo ritorni centrale». Come a dire, per Bruxelles o Berlino c'è tempo.

I temi affrontati sono gli stessi del discorso al Senato («Non siamo a teatro. "Replica del presidente" significa che rispondi agli interventi, non il bis di ieri», polemizza su Twitter la deputata grillina Di Vita). Renzi parla ancora di riforma del Titolo V, legge elettorale, priorità all'edilizia scolastica («la stabilità delle scuole è più importante di quella dei conti», abolizione del Senato («L’Italia avrà soprattutto un Senato senza che i senatori percepiscano un’indennità, senza che diano la fiducia al governo, senza che votino il bilancio dello Stato. Una sola camera voterà il bilancio così si ridurrà il numero dei parlamentari e porterà ad una semplificazione e valorizzazione di ciò che potrà fare il Senato libero da un ruolo di camera paritetica»), riduzione del cuneo fiscale («La doppia cifra è riferita ai miliardi e non alle percentuali. Se se si riduce di 10 miliardi di euro non credo sia giusto fare sorrisi ironici, se arriveranno contributi anche su questo tema da opposizioni vi saremo grati») e infine l'Europa («L’Italia non può arrivare in Europa con la stessa piattaforma di problemi che ha da anni - ha detto Renzi - perchè se l’Europa che immaginiamo possa essere messa profondamente in discussione nel semestre, dobbiamo arrivare con le cose fatte»), l'abbassamento della pressione fiscale che scatena l'ironia del Movimento 5 Stelle al quale Renzi ribatte lesto: «Trovatemi uno che non lo ha detto, io da amministratore l'ho fatto quindi su questo tema non comprendo l'ironia».

Infine il tema dei diritti civili («guai ad arroccarsi, occorre dialogo») e la conferma di voler dare la cittadinanza italiana ai figli degli immigrati nati nel nostro Paese dopo aver compiuto un ciclo scolastico.

I deputati alla fine applaudono molto più calorosamente (ma non ci voleva molto) rispetto ai senatori. Nel gruppo del Pd c'è Pier Luigi Bersani che è tornato in Aula dopo la malattia, poco più sotto – nei banchi di fronte a quelli del governo – c'è anche l'ex premier Enrico Letta che applaude con eleganza anche lui.

Alcuni deputati vanno verso l'uscita. «Ci siamo annoiati», mormora qualcuno. «I nostri figli in Tv hanno detto che Renzi è andato benissimo», sussurrano altri. Renzi finisce come aveva cominciato. Prima un omaggio ai «5 milioni di italiani che fanno volontariato». Chiosa: «Questa è la bellezza!». Poi ancora citazioni. Nel carosello finale c'è spazio per Chesterton: «Il mondo non finirà per la mancanza di meraviglie, ma per la mancanza di meraviglia». E per il discorso del 2009 di Barack Obama sullo Stato dell'unione: «La pagina più bella questo Paese non l'ha ancora scritta».
Bersani giura: «Il Pd reggerà. E questo governo, che non pecca certo di umiltà, va aiutato».

Multimedia
Bersani torna a Montecitorio, applauso in aula
Correlati
Il video - Il discorso di Renzi al Senato
Correlati
Bersani torna a Montecitorio, applauso in aula
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%