logo san paolo
sabato 28 maggio 2022
 
 

Sette e religioni, due lettere

29/07/2011  La Chiesa di Scientology e l'Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai ci scrivono a proposito di un'inchiesta.

Dopo la pubblicazione su Famigliacristiana.it, il 15 luglio, del dossier intitolato "L'Italia invasa dalle sette", abbiamo ricevuto due lettere di precisazione, che volentieri pubblichiamo.

La prima lettera ci arriva da Annalisa Tosoni, dell'Ufficio Affari Pubblici Chiesa di Scientology di Milano. Eccone il contenuto:


      "L'articolo in oggetto contiene affermazioni false nei confronti di Scientology. Vogliamo credere che questo modo di esprimersi sia solo dovuto all’essere “vittime” di disinformazione o mala informazione.   

     L'autore dell'articolo deve sapere che Scientology in Italia è stata riconosciuta quale religione sia in ambito giudiziario che accademico. Lo invitiamo pertanto a leggere la sentenza della Corte d'Appello di Milano n. 4780 del 5 ottobre 2000 e, prima di essa, la sentenza della Corte Suprema di Cassazione n. 9476, dell' 8 ottobre 1997. Leggendole scoprirà che non solo in esse si riconosce la natura religiosa di Scientology ma pure che le attività delle sue associazioni sono perfettamente legali e come tali tutelate dagli articoli 8, 19 e 20 della Costituzione italiana.  

     Esperti di religione quali il Prof. Dario Sabbatucci, che fu docente di storia delle religioni all'Università La Sapienza di Roma, si sono espressi in modo inequivocabile sull'autenticità della natura religiosa di Scientology. Insieme a lui anche il prof. Francesco Finocchiaro, che fu ordinario di diritto ecclesiastico presso la Facoltà di giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” di Roma, il prof. Silvio Ferrari, ordinario dell’università di Milano, il prof. Bryan Ronald Wilson, una delle più eminenti autorità nel campo della religione comparata, hanno tutti invariabilmente affermato che Scientology è una religione autentica.  

     Per essere ancora più precisi in merito ai contenuti del libro promosso nell'articolo, dal titolo "Occulto Italia" di Del Vecchio e Pitrelli, inviatiamo redazione e lettori a consultare questo link, già pubblicato il 17 maggio 2011: http://www.verbavolant.org/content/critica-al-libro-occulto-italia. 

     Pensiamo che la mala informazione sia divulgata dai soliti conosciuti detrattori di Scientology o alcuni fuoriusciti (sempre gli stessi), le cui accuse insensate sono motivate solo da spirito di vendetta.   

     Scientology conta ora oltre 8800 chiese, missioni e gruppi in 165 nazioni del mondo. I suoi membri sono persone di ogni età, cultura, etnia, ceto sociale e professione. Molti di essi sono impegnati in attività sociali quali la più vasta campagna non governativa di prevenzione all'uso di droga e nella più vasta campagna a livello mondiale per la sensibilizzazione sull'applicazione dei diritti sanciti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.  Altri, in Italia, si sono costituiti in un gruppo di protezione civile (Procivicos - Protezione Civile della Comunità di Scientology) e intervengono ogni qualvolta si verifichi un disastro naturale, come appunto hanno fatto in occasione del sisma che ha causato così tanta sofferenza alla gente dell'Abruzzo, gente che li ha conosciuti di persona e che li ha apprezzati per l'aiuto dato, per la loro simpatia e disponibilità.  

     Le nostre chiese sono aperte a tutti, le nostre attività sono sotto gli occhi di coloro che le vogliono vedere. Siamo disposti a comunicare con chiunque sia ispirato da animo sincero e onestà intellettuale ma non siamo disposti a subire l'intolleranza di chi non sa o non vuole vedere. Il rispetto del credo religioso altrui è un diritto fondamentale,  la misura del suo rispetto determina il grado di civiltà di una nazione. Ci auguriamo che il seme della tolleranza e del rispetto del credo altrui cresca per garantire una pacifica convivenza.   Per correttezza di informazione i lettori possono trovare tutto ciò che c’è da sapere su Scientology ed il suo Fondatore L. Ron Hubbard, consultando i siti ufficiali: www.scientology.it  e  www.lronhubbard.it".



La seconda lettera di precisazione ci è invece arrivata da Enzo Cursio, Capo Ufficio Stampa dell'Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai. Eccone il contenuto:

     "Gentile Direttore,
sul numero di questa settimana appare una recensione al volumetto: Occulto Italia, (Pitrelli/DelVecchio, BUR 2011). Nella seconda parte dell’articolo, si parla del tutto inopportunamente dell’ente religioso Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai. Potremmo attenderci una informazionesuperficiale da un giornalismo dilettantistico o di carriera, ma non da una testata così seguita come Famiglia Cristiana che fonda la sua informazione sul binomio Fede = vita quodiana. Riteniamo doverosa non solo una nostra replica che si prega di pubblicare, ma chiediamo di poterla incontrare e presentare alla sua redazione il nostro Istituto religioso. Accostare l’Istituto Buddista Soka Gakkai a movimenti New Age non è questione di inchieste o di spunti per opinionisti, è semplicemente un falso.

     Come in Italia oramai in molti sanno, quando si parla del Buddismo della Soka Gakkai (popolarmente e mediaticamente conosciuta come “quelli del Nam-myoho-renge-kyo”), non si parla di setta o nuovo culto, bensì di un movimento religioso al quale, nel nostro Paese, appartengono oltre 50.000 membri e che in Giappone affonda la sue radici e la sua pratica religiosa nell’antichissima tradizione Mahayana del Sutra del Loto e che oggi conta oltre 12 milioni dimembri in 192 nazioni e territori del mondo.

     Per essere più espliciti: è come se il movimento dei Focolarini o la Comunità di Sant’Egidio, sorte tra gli anni sessanta e settanta, fossero considerate sette pericolose fuori dalla grande famiglia dellaChiesa di Roma. Sarebbe non solo inconcepibile, ma soprattutto discriminatorio verso milioni di cattolici che hanno trovato il proprio rivitalizzante senso di missione nella Chiesa universale attraverso tali movimenti postconciliari. È pur vero dunque che un libro sulle sette è materia di recensione per un settimanale come FamigliaCristiana, soprattutto se si parla di pericolosità delle stesse, ma non si può fare tutto d’un erba un fascio. Per dirla alla Sant’Agostino, ” Se l’uomo dubita può trovare facilmente le motivazioni che lo portano a trascendere la propria ignoranza “, quindi, perché non approfondire?

     La Soka Gakkai é stata ed è sempre in prima linea nella tutela dei diritti umani nel mondo e nella lotta per il disarmo nucleare globale. Attività costantemente svolte in tutti questi decenni a supporto e con il sostegno delle più alte istituzioni del nostro Paese. Presente in Italia con le sue attività religiose, filantropiche e culturali fin dagli anni settanta, oggi, L’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, è ente religioso riconosciuto con decreto del Presidente della Repubblica del 20 novembre 2000.

     Perché viene descritta con sorpresa una relazione istituzionale tra il nostro istituto e i massimi organi costituzionali del nostro Paese? Mi sembrerebbe corretto e civile per una delle più numerose minoranze religiose italiane avere dei rapporti con ogni livello di rappresentanza tanto nella Repubblica Italiana quanto in Vaticano. Tutto questo poi, senza tener nessun conto della fitta pubblicistica che da decenni si occupa proprio della Soka Gakkai ed in particolare: le indagini pazienti e approfondite della prof.ssa MariaImmacolata Macioti e del prof. Karel Dobbelaere poi pubblicate rispettivamente in: Il Budda che è in noi (Seam edizioni, Roma, 1996) e La Soka Gakkai, un movimento di laici diventa una religione, Istituto Buddista italiano Soka Gakkai – Via della Marcigliana 532/9 – 00139 RomaTel. 06872861 – fax 0687286205 – e-mail: relazioni.esterne@sgi-italia.org2ElleDiCi, Torino, 1998), gli atti del convegno (sulla presenza buddista in Italia) "Oggi il Risveglio", tenutosi al Centro Congressi dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza nel maggio 1994 (La critica sociologica, 111-112 autunno/inverno 1994-1995) e l’articolo della prof.ssa Macioti "L’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai a un bivio" (La critica sociologica, 141. primavera 2002).

     Sempre di Maria Immacolata Macioti: Il fascino del carisma – Alla ricerca di una spiritualità perduta, Liguori editore, Napoli, 2009, la voce Soka Gakkai ne Le religioni in Italia (a cura di Massimo Introvigne e Pierluigi Zoccatelli, ElleDiCi, Torino, 2006). Oppure la parte sul Buddismo di Nichiren Daishonin contenuta nel libro Coscienza e cambiamento, di Riccardo Venturini, Cittadella ed. Assisi, (Pg.), 1998, e anche: Daisaku Ikeda, maestro di dialogo, di Prisca Giaiero (edizioni lameridiana, Molfetta-Bari, 2008). Per la Collana Educatori antichi e moderni, La Nuova Italia nel2000 ha pubblicato L’Educazione creativa, di Tsunesaburo Makiguchi, il pedagogista e filosofo fondatore – nel 1930 – della Soka Gakkai, ecc ecc.

     “Se più persone si impegnassero instancabilmente nel dialogo”, afferma il leader buddista giapponese Daisaku Ikeda, “di sicuro gli inevitabili conflitti della condizione umana troverebbero più facilmente una soluzione. Il pregiudizio cederebbe il terreno all’empatia e la guerra lascerebbe il posto alla pace. Il vero dialogo sfocia nel cambiamento degli opposti punti di vista, trasformandoli da solchi che separano gli individui in ponti che li uniscono”.

     Questo è ciò che fin da tempi di Shakyamuni (566 – 486 AC), come buddisti quotidianamente coltiviamo. Questo è ciò che instancabilmente continueremo a fare in ogni circostanza, sicuri di trovare davanti a noi nuovi amici".   

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo