Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
SCUOLA
 

Riaprono aule e sale di danza dell'Accademia del Teatro alla Scala

15/06/2020  Da lunedì 15 giugno l’Accademia Teatro alla Scala, la scuola d'arti e mestieri dello spettacolo scaligera. riapre in sicurezza le proprie sedi di Via Santa Marta e di via Campo Lodigiano a Milano, per riprendere gran parte delle lezioni. La pandemia ha imposto la chiusura delle sedi, ma non ha mai fermato la didattica che è proseguita a distanza, interessando tutti i corsi, compresi quelli di balletto. Per un’istituzione in cui si formano tutte le figure professionali che operano nello spettacolo dal vivo e dove si privilegia l’attività pratica su quella teorica era sostanziale poter tornare a popolare le classi e i laboratori dove poter sperimentare e imparare.

Nella foto Jacopo Tissi, primo ballerino italiano a essere entrato nella compagnia di ballo del Teatro Bolshoi di Mosca, è stato uno dei protagonisti delle master class digitali dell'Accademia durante il lockdown.
Nella foto Jacopo Tissi, primo ballerino italiano a essere entrato nella compagnia di ballo del Teatro Bolshoi di Mosca, è stato uno dei protagonisti delle master class digitali dell'Accademia durante il lockdown.

Lunedì 15 giugno, l’Accademia Teatro alla Scala riapre in sicurezza aule e laboratori, per riprendere gran parte delle lezioni. La pandemia ha imposto la chiusura delle sedi, ma non ha fermato la didattica che è proseguita a distanza, interessando tutti i corsi, ivi compresi quelli di danza. Seppur nella difficoltà, la situazione di emergenza per il Coronavirus si è trasformata in un’opportunità: non solo un’occasione di riflessione, ma anche una straordinaria possibilità per immaginare un nuovo modo di insegnare e di apprendere. Molti degli originali progetti didattici nati nel periodo di chiusura sono consultabili sul sito e sui canali social dell’Accademia.

 A partire dal 15 giugno torneranno dunque ad animarsi gli spazi in cui si confezionano i costumi, si creano i personaggi grazie al make-up e agli effetti speciali, si realizzano le parrucche, si eseguono servizi fotografici e video, ci si mette alla prova ai mixer audio. Le sale da ballo in cui ci si prepara a diventare gli artisti di domani.

L’Accademia ha predisposto un protocollo rigidissimo per garantire ad allievi, docenti e dipendenti la massima sicurezza. Prima del rientro, grazie alla collaborazione con i centri Humanitas, sono stati eseguiti a tappeto test sierologici che, fortunatamente, hanno evidenziato una pressoché totale negatività al virus.

Dalla riapertura, in entrambe le sedi saranno in vigore diverse misure di sicurezza: controllo della temperatura corporea in entrata, distribuzione di dispositivi di protezione individuale per tutti (mascherine, guanti protettivi, visiere, camici) e segnaletica al di fuori delle aule e negli spazi comuni.

I corsi di sartoria, tecnologia del suono, fotografia e video di scena, trucco e acconciatura teatrale, parruccai, special make-up riprenderanno progressivamente, con ingressi contingentati degli allievi e la divisione in gruppi più piccoli.

Alcuni corsi, invece, continueranno a distanza. Questo il caso del Master in Performing Arts Management o dei corsi del Dipartimento Musica. Ciò dipende anche dal fatto che molti degli allievi provengono dall’estero.

Le lezioni proseguiranno fino alla fine di luglio e, per alcuni corsi, riprenderanno a settembre, per garantire la piena realizzazione del percorso di formazione.

La missione della Scuola scaligera è quella di assicurare ai propri studenti una preparazione completa per affrontare il mondo del lavoro. E l’impegno dei prossimi mesi ne è la dimostrazione concreta in attesa di tornare, finalmente, in scena e dietro le quinte.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo