Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
 

Riccardi: l'Italia va riformata così

15/01/2013  Si deve cambiare seriamente il nostro Paese, perché abbia un futuro. L’Agenda Monti e la persona del presidente sono un riferimento decisivo in questa operazione.

Una nuova forza politica si presenta alle elezioni: fa capo a Mario Monti. Con lui si candidano persone dalle storie politiche diverse: dal centro, dalla destra e dalla sinistra, assieme a uomini e donne della società civile. Ci sono pure personalità cattoliche. I candidati della lista Monti hanno sottoscritto un codice etico molto esigente, che non ha uguali nella storia italiana. L’Agenda Monti unisce queste persone, che si impegnano a una politica nuova fuori dal bipolarismo destra/sinistra, Berlusconi sì/no.

Negli anni passati l’Italia è sprofondata verso la crisi, ma la politica non è riuscita a salvarla (nemmeno a darci una legge elettorale degna). Il Parlamento, nel novembre 2011, ha chiamato Monti al Governo. L’Italia era sull’orlo dell’abisso. Lo spread si alzava vertiginosamente e il Governo Berlusconi si era impegnato – sotto pressione dell’Europa – a raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013. Lasciando così a chi lo seguiva l’onere di imporre tasse pesantissime. Una bomba a orologeria che Monti ha gestito con perizia. Nota Marco Ruffolo su La Repubblica: a conti fatti, Berlusconi aumenta le tasse di due punti, Monti di uno. L’attuale presidente del Consiglio ha evitato un carico ulteriore di imposte sugli italiani e lo sfascio del Paese.

La mia non è una difesa d’ufficio di un Governo di cui sono parte. Sono convinto che, perché il Paese riprenda a sperare e crescere, c’è bisogno di un nuovo soggetto che conduca una nuova politica mirata a salvare il Paese. È l’idea della lista Scelta Civica. Con Monti per l’Italia. Monti, alternativo alla destra berlusconiana, ha il coraggio di dire che una certa politica di sinistra è conservatrice. Ci vuole una politica di riforme incisive che apra una nuova pagina della storia. Solo così l’Italia riprenderà a crescere. Questo significa il lavoro per i giovani, che è l’obiettivo prioritario. La crescita consente quella spesa sociale necessaria a tante famiglie che hanno sofferto nei mesi e negli anni passati. Si tratta soprattutto di chi è vulnerabile. Per questo non si può ritornare al teatro politico delle promesse vuote o delle responsabilità addossate agli altri. Si deve cambiare seriamente l’Italia, perché abbia un futuro.

L’Agenda Monti e la persona del presidente sono un riferimento decisivo in questa operazione, perché hanno coagulato energie nuove con l’obiettivo di cambiare il Paese. Infatti l’Italia non è destinata alla rassegnazione e alla recessione. Dobbiamo avere una forte ambizione per il nostro Paese, che ha tutte le possibilità di essere una grande nazione europea, in cui i cittadini abbiano un futuro degno. Ma bisogna abbandonare i particolarismi, gli odi che hanno caratterizzato la nostra vita politica, per unirsi in un grande sforzo. Per questo – mi si perdoni la chiarezza – ho insistito non da oggi che Monti chieda il voto degli italiani sulla sua proposta politica. Saranno loro a decidere.

I vostri commenti
10

Stai visualizzando  dei 10 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo