Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 22 giugno 2024
 
Ricette
 

Carnevale: ogni fritto vale

05/02/2018  Per le merende dei piccoli e anche per i più golosi, due ricette classiche per rendere allegra la festa

Tortelli e krapfen sono i tradizionali dolci fritti di Carnevale che abbiamo scelto per voi, perfetti per fare felici i bambini che in questi giorni si divertono a festeggiare in casa o in oratorio, e ancora con sfilate di maschere e costumi buffi e colorati. Ma anche per le serate e le merende tra amici.

A PROPOSITO DI FRITTURA. Prima di tutto vi ricordiamo qui le regole essenziali per un buon fritto leggero.

• L’olio di frittura deve essere ben caldo ma non bollente.
Per accertarsi del punto giusto di frittura è sufficiente inserire uno stecchino nell’olio e, quando questo sfrigola attorno al bastoncino di legno, la temperatura sarà quella giusta.
L’olio più adatto alla frittura, oltre all’extravergine d’oliva, è quello di arachidi.
• L’olio deve essere “profondo”, vale a dire abbondante.
• Lo stesso olio può essere usato fino a tre volte se si usa una friggitrice elettrica, mentre va cambiato dopo ogni frittura se si usa la friggitrice in ferro o acciaio.
Che vino bere con le fritture? Certamente quello con le bollicine, dallo Spumante Classico al prosecco di Valdobbiadene e altri vini spumanti.

FANTASIA DI KRAPFEN

I famosi dolci fritti in diverse versioni: decorati con zucchero a velo, farciti con confettura, ricoperti da ghiaccia o a ciambella, con copertura di cioccolato.

PREPARAZIONE: 1 ora oltre il tempo di lievitazione e di riposo in frigorifero
DIFFICOLTÀ: media
PERSONE: 6-8

INGREDIENTI:
- 450 g di farina
- 30 g di lievito di birra
- 3 dl di latte
- 80 g di burro
- 6 tuorli d’uovo
- 70 g di zucchero
- la buccia grattugiata di 1 limone
- 1 pizzico di sale
- abbondante olio di semi di arachidi per friggere
Per la finitura:
- 50 g di zucchero a velo

1. In una ciotola, setacciare la farina; aggiungere lo zucchero, la buccia grattugiata del limone, il sale e amalgamarli un poco; unire il lievito di birra, stemperato nel latte intiepidito a parte, i tuorli d’uovo e lavorare un poco. Aggiungere infine il burro a pezzetti, ammorbidito a temperatura ambiente. Lavorare energicamente fino a ottenere un impasto liscio e morbido e inciderlo con un taglio a croce; coprirlo con un canovaccio e farlo lievitare in luogo tiepido per 2 ore circa.

2. Riprendere l’impasto, lavorarlo un poco per interrompere la lievitazione e farlo quindi riposare per altre 2 ore nel frigorifero.

3. Stendere quindi la pasta in uno strato dello spessore di 1 cm circa, con un tagliapasta del diametro di 3-4 cm circa ritagliare tanti dischi; impastare i ritagli e continuare con la stessa procedura fino al termine dell’impasto.

4. Far lievitare i krapfen in luogo tiepido per un’ora circa. Friggerli, pochi alla volta, in olio caldo (170°C circa) e farli dorare in modo uniforme. Scolarli sopra un foglio di carta di tipo assorbente da cucina. Servirli caldi, spolverizzati con lo zucchero a velo.

TORTELLI CON L’UVETTA

  

In diverse parti d’Italia, a Carnevale si preparano queste dolci e piacevoli sfere fritte dall’ottimo impasto, aromatizzato con il Marsala.

PREPARAZIONE: 50 minuti
DIFFICOLTÀ: media
PERSONE: 6-8

INGREDIENTI:
- 300 g di farina
- 40 g di zucchero
- 6 cucchiai di latte
- 6 cucchiai di Marsala
- 2 uova
- mezza bustina di lievito in polvere
- 50 g di uvetta sultanina
- 1 pizzico di sale
- abbondante olio di semi di arachidi per friggere
Per la finitura:
- 100 g di zucchero semolato

1. Mettere in una terrina le uova con lo zucchero e il sale e mescolare un poco; unire il latte, il Marsala, aggiungere, poco alla volta, la farina setacciata insieme al lievito e infine l’uvetta sultanina, ammorbidita in acqua tiepida e asciugata con cura, e amalgamare bene gli ingredienti.

2. Far scaldare abbondante olio; gettarvi, poco alla volta, il composto preparato con un cucchiaio da dessert e far friggere i tortelli finché saranno gonfi e leggermente dorati da ogni parte.

3. Scolarli sopra un foglio di carta di tipo assorbente da cucina, passarli nello zucchero e servirli caldi.

Con il ripieno. Di frittelle ci sono tante golose varianti: di mele, con l’uvetta, ripiene di crema o cioccolato

 

(Foto in alto: Daniel Novta, Flickr)

Tag:
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo