logo san paolo
sabato 11 luglio 2020
 
 

Foibe, quegli italiani dimenticati

10/02/2012  La Giornata del ricordo che si celebra oggi è l'occasione per un dibattito non ideologico sulle vicende del "confine orientale", che riguardarono 350 mila esuli e produssero le foibe.

Anna Maria Mori, giornalista e scrittrice, è nata a Pola, quand'era italiana, e poi ha vissuto l'esodo.
Anna Maria Mori, giornalista e scrittrice, è nata a Pola, quand'era italiana, e poi ha vissuto l'esodo.

Da tempo Anna Maria Mori è impegnata nel tentativo di suscitare una memoria condivisa e non ideologica su quel che accadde alla fine del secondo conflitto mondiale in quel complicatissimo territorio che è "il confine orientale". Lo sforzo si è tradotto nei libri Bora del 1999, Nata in Istria del 2006, in alcuni documentari sulla sua terra d'origine e ora, in occasione della Giornata del ricordo, in un nuovo romanzo, L'anima altrove (Rizzoli). Un'indagine struggente e - come si vedrà - narrativamente originale che la giornalista e scrittrice, nata a Pola e poi esule, ha condotto sui temi dell'identità, dello sradicamento, dell'appartenenza, attraverso la vicenda di Irene, una donna non più giovane, "costretta" in un salto nel passato a incontrare, agli albori del Novecento, le vite di Natalia, Umberto e Renzo, su cui si era abbattuto il trauma dell'esodo forzato dall'Istria.

Come è nata la storia di Natalia, Umberto, Renzo e Irene?
«È il mio libro più sofferto, ci lavoravo da sei anni. Direi che nasce dall'idea della centralità della casa, del luogo dove ciascuno apre gli occhi sul mondo, sugli oggetti che sopravvivono alle persone e testimoniano storie».

Il libro si alimenta infatti di un singolare espediente letterio, per il quale sono le cose a farsi voce narrante...
«Parlano al posto delle persone, che non ci sono più o che la vita ha reso afasiche. Fra gli esuli, si incontrano quelli che straparlano e quelli che confessano: "Mio padre non me ne ha mai parlato". Io appartengo alla seconda categoria: per anni non ho voluto fare i conti, ho serrato il passato in un angolo della coscienza. Va detto che la storia di quel territorio è complessa, nemmeno io riuscivo a decifrare ciò che avevo vissuto da bambina, perché un bambino non capisce e non accetta l'ingiustizia. Non ha risposte alla domanda "Perché ci odiano?". Ci ho messo una vita per trovarle».

Al blocco psicologico personale contribuisce anche la mancata elaborazione di una memoria collettiva su queste vicende storiche?
«Certo. So che se dico che sono istriana, la maggior parte della gente pensa che sono fascista. È un pregiudizio duro da smantellare. Siamo passati tutti per fascisti, perché era più comodo pensare così, per slogan, che  documentarsi e sforzarsi di capire. Eravamo una massa di fascisti e quindi, in fondo, pagavamo il giusto prezzo».

Italiani in partenza dal porto di Pola nel 1946 (foto Corbis).
Italiani in partenza dal porto di Pola nel 1946 (foto Corbis).

La coscienza storica ha fatto qualche passo o siamo fermi a quei pregiudizi?
«Il Paese ha cominciato ad aprire gli occhi, anche se sulle foibe più che sull'esodo, che pure ha riguardato 350 mila persone. Devo dire che, presentando i miei libri in tutta Italia, mi sono sempre trovata fra due fazioni: da una parte i fligli dei partigiani, che mi avrebbero presa a botte, dall'altra una destra che rivendicava meriti che non ha... A tutti ricordo le specifiche responsabilità».

Nel suo romanzo descrive il senso di sradicamento, di non appartenza che investe chi ha dovuto lasciare la terra nativa...
«Personalmente, sento ad esempio la distanza dalle architetture e faccio fatica ad ambientarmi: il barocco di Roma, dove vivo, è splendido, ma non mi appartiene. Il senso di appartenenza va di pari passo con il senso di sicurezza, che solo il luogo dove si è nati e cresciuti può regalare. Mi colpisce, ogni volta che torno là, sentir parlare una lingua che non è quella che parlavo da bambina. Allora provo uno stranniamento incredibile».

Paolo Perazzolo

Ritrovamento dei resti di alcune vittime delle foibe nella Regione del Carso (foto Contrasto)
Ritrovamento dei resti di alcune vittime delle foibe nella Regione del Carso (foto Contrasto)

Qual è la “piccola guerra” che dà titolo La mia piccola guerra di Italo Gasperini (Armando Curcio) al libro? Quella condotta, alla fine della seconda guerra mondiale, dal giovanissimo Mario Silvestri in una indefinita località di mare della penisola istriana. Una personale lotta contro i partigiani comunisti jugoslavi, «invasori mascherati da liberatori (che) erano arrivati sbandierando parole come eguaglianza e libertà, ma avevano ben presto rivelato il loro vero volto di spietati e feroci assassini».

Lo spunto narrativo è che Mario, adulto, torni dopo mezzo secolo nei luoghi dell'infanzia, da cui era dovuto fuggire con i famigliari nel 1948, per trovare il luogo dov'era stato sepolto dopo la morte il padre, medico del paese e morto in carcere dopo un processo-farsa in stile staliniano. La famiglia di Mario fu parte di quei «350mila italiani dell'Istria e della Dalmazia che, vittime innocenti, hanno dovuto pagare per tutti la sconfitta dell'Italia nella seconda guerra mondiale». Il racconto perciò procede per salti temporali, tra il presente (la ricerca di Mario, che lo porta a rivedere i vecchi luoghi, ma anche gli amici e a rivangare antiche memorie) e il passato. Un periodo, quello appunto dell'immediato dopoguerra, segnato dal ricordo del fatto che «migliaia di esseri umani, che avevano come unica colpa il fatto di amare la loro patria, erano stati barbaramente trucidati e scaraventati ancora vivi in orribili e profonde voragini del terreno, tecnicamente chiamate foibe». Il passaggio all'adolescenza, per Mario, è traumatico, segnato dall'arresto del padre, una figura di grande dignità che prima di congedarsi dalla famiglia tenta di rassicurarla: «State tranquilli, tutto si sistemerà perché io non ho mai fatto nulla di cui mi debba rimproverare».

Il giovane Mario si trasforma così in una specie di eroe come i protagonisti dei romanzi d'avventura dei suoi tempi: nottetempo, rimette a posto il crocifisso che l'insegnante vorrebbe bandito dall'aula scolastica; rompe i vetri della casa del capo locale della polizia segreta; ruba ai magazzini lo zucchero che, scambiato al mercato nero, servirà a salvare la madre dalla tubercolosi. Addirittura, riuscirà a strappare dalle mani di un miliziano assettato di violenza la sua maestra, Olga. Ma la realtà è crudele, non è un romanzo di cappa e spada e i Silvestri non possono continuare a vivere in un mondo in cui «se di notte squillava il campanello di casa, lo sguardo di tutti esprimeva solo paura: paura di sparire nel nulla, come succedeva molto spesso. Quel suono preannunciava quasi sempre l'inizio di un lungo percorso che portava a una morte preceduta da atroci torture», spesso in una foiba, «uno squarcio nella terra di circa cinque metri per nove, che poteva far pensare a una mostruosa bocca urlante». Occorre quindi partire, trasferirsi in Italia, iniziare una vita da cui, un giorno, tornare indietro per ricordare e ritrovare.

Qualche altra indicazione bibliografica per approfondire alcuni aspetti della Giornata del ricordo. In Porzûz (il Mulino) lo storico Tommaso Piffer cerca di fare il punto sulle più recenti accquisizioni della storiografia sull'eccidio di 20 partigiani delle formazioni "Osoppo", che nel febbraio del 1945 si consumò ad opera di un commando di Gap comunisti: uno dei più gravi e sanguinosi scontri interni alla Resistenza italiana, oggetto di un infuocato dibattito politico. Il saggio diventa anche una riflessione sulle modalità con cui, fino ad oggi, si è analizzata questa pagina della nostra storia.

Massimiliano Contarin ha scelto invece la forma del romanzo per tornare ai giorni violenti seguiti all'8 settembre del 1943 in Istria e a Trieste. La storia di Alessandro e dell'amata Gaia, che un giorno svanisce nel nulla, diventa nei Cento veli (Dalai) una riflessione sul male, il senso di colpa e la responsabilità. Caterina Sansone e Alessandro Tota sono infine autori di una graphic novel sull'argomento: Palacinche. Storia di un'esule fiumana (Fandango).

Carlo Faricciotti

Scavi all'interno di una foiba (foto Ansa).
Scavi all'interno di una foiba (foto Ansa).

Regna ancora molta ignoranza sui fatti che riguardarono il cosiddetto confine orientale a partire dal 1943. Spesso non si fa distinzione fra le foibe e l'esodo forzato che colpì circa 350 mila italiani. Finché non ci sarà conoscenza, una memoria condivisa resterà impossibile. A tal fine, vogliamo dare un piccolo contributo cercando di definire che cosa furono le foibe. Riportiamo la defizione data nel sito di La storia siamo noi della Rai, dove sono reperibili ulteriori link per altrettanti approfondimenti.

«Le foibe sono cavità carsiche di origine naturale con un ingresso a strapiombo. È in quelle voragini dell’Istria che fra il 1943 e il 1947 sono gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani.La prima ondata di violenza esplode subito dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943: in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si vendicano contro i fascisti e gli italiani non comunisti. Torturano, massacrano, affamano e poi gettano nelle foibe circa un migliaio di persone. Li considerano “nemici del popolo”. Ma la violenza aumenta nella primavera del 1945, quando la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l’Istria. Le truppe del Maresciallo Tito si scatenano contro gli italiani. A cadere dentro le foibe ci sono fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini. Lo racconta Graziano Udovisi, l’unica vittima del terrore titino che riuscì ad uscire da una foiba. È una carneficina che testimonia l’odio politico-ideologico e la pulizia etnica voluta da Tito per eliminare dalla futura Jugoslavia i non comunisti. La persecuzione prosegue fino alla primavera del 1947, fino a quando, cioè, viene fissato il confine fra l’Italia e la Jugoslavia. Ma il dramma degli istriani e dei dalmati non finisce».

Paolo Perazzolo

I vostri commenti
3
scrivi

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%