logo san paolo
venerdì 07 maggio 2021
 
 

Come dite "munnezza" in lumbard?

01/07/2011  Già dal 2006 la Commissione antimafia segnala il trasporto abusivo di rifiuti, soprattutto tossici, dal Nord verso Campania, Sicilia e Calabria. Con l'aiuto della camorra.

Cumuli di rifiuti a Napoli.
Cumuli di rifiuti a Napoli.

È un po’ colpa anche del Nord se la situazione dei rifiuti campani è così disastrosa. Di quegli “insospettabili” imprenditori che per anni hanno scaricato illegalmente – complice la camorra – i propri rifiuti nel Meridione.      

     Monitorando la situazione nel casertano la Commissione antimafia aveva già da tempo messo in guardia sulla situazione dichiarando già nel 2006 che «nella Provincia venivano smaltiti rifiuti inquinanti provenienti dal Nord Italia solo formalmente conferiti nelle discariche autorizzate, ma di fatto oggetto di passaggi fraudolenti». Le indagini sulle ecomafie risalgono ancora agli anni Novanta e dicono che fin da quegli anni la Campania è stata la pattumiera degli scarti industriali del settentrione. Un traffico illecito  di rifiuti dal Nord al Sud che frutta ai clan oltre 7,5 miliardi di euro (circa 15 miliardi di vecchie lire) l’anno. Lo Stato, se volesse bonificare i luoghi contaminati dalle discariche abusive, dovrebbe spenderne oltre 75 (circa 150 di vecchie lire).

     I clan hanno creato un’autostrada per i rifiuti, soprattutto tossici, che dal Settentrione giungono al Sud. Molti si fermano a metà strada, nel Lazio, e gli altri raggiungono la Calabria, la Campania e la Sicilia.     

     Legambiente, e non è la sola, propone da tempo l’introduzione di un reato contro l’ambiente e la tracciabilità dei rifiuti. Così magari Bossi potrebbe tentare di trattenere in loco i rifiuti prodotti al Nord o, magari, andare a riprendersi a Napoli quelli marchiati “Lumbard doc”.  

I vostri commenti
7
scrivi

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%