Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Colloqui col Padre
 

Riprendiamoci il Natale: Dio si fa uomo per noi

21/12/2018 

Caro padre, arriva un altro Natale, la festa più pagana, ipocrita e caciarona dell’anno, blasfema parodia di ciò che dovrebbe essere e rappresentare. Mai come in questo periodo la frenesia raggiunge vertici di folle parossismo e la gente è, se possibile, più maleducata, arrogante e prepotente del solito, complici la ressa, il traffico e lo stress da corsa all’ennesimo inutile regalo. Si registra altresì un aumento esponenziale di furti, rapine e assalti in autentico stile bellico a uffici postali e furgoni portavalori. Del resto, tutti hanno diritto di festeggiare il Santo Natale, no? Penso che sarebbe più onesto e meno offensivo ribattezzare in altro modo questa ricorrenza, magari Nonno Gelo, come nella vecchia Unione Sovietica. Tanto, quel che importa ai più è mangiare, bere e far baldoria. Tutto il resto è fuffa.

SALVATORE RUSSO

Per certi versi sono d’accordo con te, caro Salvatore. Il Natale, non da oggi, è una festa sempre più pagana e ipocrita. Tuttavia, vorrei offrire due brevi pensieri positivi. Prima di tutto fare festa, scambiandosi auguri e regali, ritrovandosi con i propri cari attorno a una tavola imbandita, è di per sé una cosa bella, è un valore. Ci ricorda l’importanza della relazione con gli altri, dello stare insieme, del gioire insieme. È un momento di gratuità, che ci libera dai legami dell’utilitarismo. Certo, quando si perde di vista la bellezza del fare festa insieme e si diventa preda della mentalità consumistica, tutto questo si offusca. Ritroviamo, allora, la gioia di fare festa in maniera semplice e genuina. Un secondo pensiero riguarda il significato del Natale: il Figlio di Dio che si è fatto uomo per noi. Nonno Gelo è freddo anche solo nel nome. Gesù che nasce, il Dio altissimo che si fa bambino, è un messaggio di amore, di gioia, di tenerezza. È un invito ad accogliere il Signore nella nostra vita, riconoscendolo nei piccoli e nei poveri. Sta a noi cristiani riprenderci il Natale e ridargli il suo senso più autentico.

(foto Reuters)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo