logo san paolo
giovedì 29 settembre 2022
 
 

Addio a Rita Levi Montalcini

30/12/2012  Si è spenta a 103 anni nella sua casa di Roma Rita Levi Montalcini, senatrice a vita, premio Nobel per la Medicina. Uno dei suoi ultimi appelli era stato per i giovani ricercatori.

Aveva 103 anni, ma pensava ai giovani, Rita Levi Montalcini. Da donna di scienza che aveva raggiunto il traguardo più prestigioso cui uno scienziato possa ambire, il Nobel per la medicina, Rita Levi Montalcini dedicava nel marzo scorso ai ricercatori under 40 uno dei suoi ultimi appelli, dal suo scranno di senatore a vita, da cui la salute malferma la teneva ultimamente spesso lontana.


«Rivolgiamo un appello al Governo», scriveva Montalcini «affinché non cancelli il futuro di tanti giovani ricercatori, che coltivano la speranza di poter fare ricerca in Italia. Il decreto legge su semplificazioni e sviluppo, già approvato alla Camera e ora in discussione al Senato, cancella i principi di trasparenza e merito alla base delle norme che dal 2006 hanno consentito di finanziare i progetti di ricerca dei giovani scienziati under 40 attraverso il meccanismo della peer review, la valutazione tra pari. Se questa legge non sarà modificata, tale selezione passerà di nuovo attraverso le stanze chiuse dei Ministeri dell'Istruzione e della Salute permettendo l’accesso ai finanziamenti solo a chi ha le giuste amicizie e non la necessaria preparazione acquisita in anni di studio, magari negli scantinati di qualche Facoltà per pochi euro. Un atto inaccettabile soprattutto da un governo guidato da un premier scelto per merito e competenza. Con il nostro impegno congiunto, nel 2006, avevamo ottenuto invece che la valutazione per assegnare i finanziamenti fosse gestita da una commissione composta da ricercatori anch'essi sotto i quarant'anni, di cui almeno la metà operanti in enti di ricerca non italiani. Una metodologia democratica e trasparente, adottata da anni a livello internazionale».

Se ne va oggi a un'età in cui avrebbe potuto legittimamente pensare di non avere altro futuro, che tutto fosse alle sue spalle. E invece guardava avanti. Evidentemente non aveva dimenticato le opportunità e gli ostacoli con cui da giovane donna ebrea aveva dovuto confrontarsi, in un mondo del lavoro, a quell'epoca ancor più di oggi, pensato per esperti signori, quasi tutti maschi. Non può essere un caso se, da donna di profondo sapere, che nella sua antica ordinatissima eleganza, era stata in anni recenti anche oggetto di una satira bonaria, si è battuta fino all'ultimo, come si vede ancor oggi nel sito della Fondazione intitolata al suo nome, perché le donne del mondo, le africane soprattutto, non fossero escluse dall'istruzione che avrebbe potuto migliorare la qualità della loro vita e dei loro diritti. 

Anche lei, in frangenti diversi, per affermare il proprio diritto agli studi di medicina, aveva dovuto lottare. Prima in casa, contro il volere del padre, e poi contro le leggi razziali. Espulsa dall'università aveva continuato i suoi esperimenti in un laboratorio casalingo, per poi lavorare per trent'anni negli Stati uniti, dove gettò le basi degli studi sui fattori di crescita delle cellule nervose che nel 1986 l'hanno portata al premio Nobel. Un prestigio che attribuiva più all'impegno e alla tenacia che alle doti. Di sé usava dire: «La mia è un'intelligenza mediocre». Ma si riconosceva la fantasia per uscire dagli schemi. Se non l'avesse avuta avuta, mai sarebbe arrivata lassù.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo