Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Il teologo
 

Ritroveremo amici e persone care nell’aldilà?

22/09/2015  E' corretto pensare che, dopo la morte, potremo ricongiungerci con le persone alle quali abbiamo voluto bene durante la vita terrena?

Ci sono amici o persone care che scompaiono dalla nostra vita. Spero che le nostre anime potranno incontrarsi nell’aldilà. La nostra fede ci consente di credere a ciò?  

Giorgio G.

 

La vita eterna è la vita di totale comunione con Dio e, in Lui e per Lui, con tutti coloro che partecipano alla stessa sorte beata. La città celeste porta il nome di Gerusalemme, che significa città della pace, della condivisione e della fraternità: la dimensione messa in luce, prima  e più di ogni altra, dai padri della Chiesa.

È naturale che questa si realizzi anzitutto con i propri parenti, amici e persone care. Nell’eternità, la storia della propria vita non sarà annullata, ma solo purificata dalle ristrettezze e dalle limitazioni che l’hanno condizionata. È normale che l’amore universale mantenga al suo interno le gradazioni dovute ai vincoli del sangue e dell’amicizia.

C’è un principio fondamentale della teologia di sempre che è proprio il caso di applicare anche nella questione da lei posta: «La grazia (e la salvezza finale è la grazia per eccellenza ) non distrugge ma perfeziona la natura». Una certezza che non teme smentite.

Tag:
I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo