logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 
 

Cie e respingimenti, la brutta Italia

15/03/2012  Per il nostro Paese le forme contemporanee di razzismo sono problemi di attualità. Le considerazioni del Comitato delle Nazioni Unite per l'eliminazione della discriminazione razziale.

L'esterno del Centro di identificazione ed espulsione di Roma (Cie). Foto
L'esterno del Centro di identificazione ed espulsione di Roma (Cie). Foto

Spesso nei Paesi a democrazia consolidata, Italia compresa, si dà per scontato che il rispetto e il pieno godimento di tutti i diritti umani siano fuori discussione e che le violazioni siano un qualcosa che non ci appartiene. Per il nostro Paese, invece, la discriminazione razziale e le forme contemporanee di razzismo rappresentano problemi di grande attualità.

Esiste una Convenzione internazionale contro le discriminazioni razziali che l’Italia, con una ratifica che risale al 1976, s’è impegnata ad attuare su tutto il territorio nazionale. Il Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale (Cerd) ha esaminato il nostro Paese pervalutare lo stato di applicazione di tali obblighi. Come nel 2008, ai lavori di Ginevra ha partecipato il Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani, la rete di 86 Organizzazioni non governative (Ong) e associazioni italiane creata nel 2002 per promuovere anche in Italia la costituzione, ancora mai attuata, di un’istituzione nazionale indipendente per i diritti umani.

Carola Carazzone, presidente del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) e portavoce del Comitato per  la promozione e protezione dei diritti umani.
Carola Carazzone, presidente del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) e portavoce del Comitato per la promozione e protezione dei diritti umani.

In occasione dell’esame del rapporto del Governo al Cerd, la delegazione delle Ong italiane ha presentato a Ginevra un proprio rapporto. Dal confronto è emersa un’Italia affaticata che cerca di darsi una nuova dimensione politico-giuridica dopo anni in cui pessime leggi hanno contribuito a sclerotizzare forme di discriminazione e razzismo, creando situazioni ingiuste e ingiustificabili.

Pensiamo al trattamento riservato ai bambini nati in Italia da genitori stranieri, ai migranti respinti nei Paesi di provenienza, ai richiedenti asilo, ai Rom, alle condizioniin cui versa chi entra nei Centri di identificazione e di espulsione, ai discorsi di incitamento all’odio razziale. Pensiamo all’educazione ai diritti umani e alla cittadinanza mondiale, che nel nostro Paese non è ancora cultura diffusa.

I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo