Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
 

Roma, rifiuti "family-friendly"

16/03/2012  Uno stanziamento supplementare del sindaco Alemanno ridurrà le tasse delle famiglie per i rifiuti. Una situazione da copiare in altri comuni.

La riduzione della tassa sui rifiuti solidi urbani per i nuclei familiari appena adottata dal comune di Roma è stata accolta come un segno positivo e di possibile cambiamento più strutturale nella tassazione da parte delle associazioni familiari del comune capitolino. Un’innovativa disposizione che ha introdotto e applicato i criteri del quoziente familiare favorendo di fatto centomila famiglie romane e che costerà nel 2012 al Campidoglio 27 milioni di euro. L’anno scorso lo stanziamento fu di 20 milioni, . Un bel passo avanti, quindi. «Per il calcolo della Tia si utilizzerà un nuovo indice Isee che tenga in conto la numerosità del nucleo»,  ha spiegato Gianni Alemanno: «Il quoziente servirà a colmare l’anomalia di questa tariffa che, paradossalmente, penalizza chi ha maggiori carichi familiari». A onor del vero anche il governo Monti si era mosso in favore delle famiglie, laddove nel calcolo dell’Imu aveva inserito una detrazione base sulla prima casa di 200 euro a famiglia, più 50 per ogni figlio di età non superiore a 26 anni e fino a un massimo di 400 euro di sconto complessivo.

«Le scelte del Campidoglio dimostrano che anche in grandi città è possibile realizzare un sistema fiscale e tariffario equo nei confronti delle famiglie», ha spiegato Francesco Belletti, presidente del Forum delle Associazioni familiari. «Il vecchio sistema di calcolo era il più perverso e odioso tra i tanti applicati nel Bel Paese perché contro ogni logica si andava ad accanire sulle famiglie con figli. Ora grazie alla collaborazione tra il Forum del Lazio e l’amministrazione capitolina è stato possibile sanare questa ingiustizia. E’ il primo tassello di un mosaico che nella Capitale è destinato a crescere». Estendendo lo sguardo sul resto dell’Italia «Ma è ancora più significativo che a crescere sia il mosaico delle amministrazioni locali che si impegnano fattivamente per rendere più eque tasse e tariffe. Alla pionieristica iniziativa del Comune di Parma (che dal 2004 costituisce un vero e proprio laboratorio di studio) si sono aggiunte una settantina di amministrazioni anche medio-grandi che si sono organizzate nel “Network delle città per la famiglia”. Una realtà che il Forum segue dall’inizio con simpatia e attenzione. Un’esperienza che sta cominciando a fare breccia anche in amministrazioni di livello superiore, in particolare regionale. «Che questo avvenga proprio in un momento in cui gli Enti locali sono strangolati dai tagli ai bilanci è sintomatico e dovrebbe spingere anche il governo centrale a rompere gli indugi e porre finalmente mano a riforme, come quella dell’Isee, rendendole family friendly attraverso l’applicazione del FattoreFamiglia di cui studi sempre più numerosi dimostrano applicabilità e affidabilità».    

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo