logo san paolo
lunedì 13 luglio 2020
 
Valle di Cremisan
 

Ruspe in azione, il muro israeliano “taglia” le famiglie dalle loro terre

26/08/2015  Nonostante il precedente divieto è ripresa la costruzione del muro lungo la “Green Line” che avrebbe tagliato in due un convento e un monastero salesiani a Betlemme. Scongiurata la divisione della comunità salesiana, 58 famiglie di cristiani palestinesi verranno separati dalle loro terre. I bulldozer hanno già sradicato gli ulivi secolari, fonte di sostentamento per la popolazione locale, mentre il percorso del muro resta top secret.

Una delle manifestazioni di protesta degli abitanti della Valle di Cremisan che si vedranno separati dalle loro terre a causa del muro di cui gli israeliani hanno iniziato il prolungamento. In copertina: le ruspe in azione sradicano gli ulivi secolari.
Una delle manifestazioni di protesta degli abitanti della Valle di Cremisan che si vedranno separati dalle loro terre a causa del muro di cui gli israeliani hanno iniziato il prolungamento. In copertina: le ruspe in azione sradicano gli ulivi secolari.

Il ministero della Difesa israeliano ha ripreso la costruzione del muro di separazione nei pressi di Beit Jala, a sud di Gerusalemme dopo che nei mesi scorsi L'Alta corte di Giustizia aveva invalidato l'ordine di costruzione  impegnando la stessa Difesa a riconsiderare il tutto.

Ne ha dato notizia l'agenzia ArabPress. Si tratta della continuazione della cosiddetta “barriera di separazione” che si estende per 700 chilometri su aree e terreni che non sono di proprietà israeliana.

La mappa che riproduce lo stato attuale della costruzione del muro e il progetto del suo prolungamento.
La mappa che riproduce lo stato attuale della costruzione del muro e il progetto del suo prolungamento.

L'Alta Corte contraddice se stessa

Dopo nove anni di procedimenti legali, l’Alta corte di Giustizia nel mese di aprile aveva finalmente accolto una petizione contro il proseguimento del tracciato del muro. Ma la stessa Corte, il 6 luglio, ha invece nuovamente autorizzato la costruzione del muro contraddicendo la decisione presa in precedenza.

La sentenza di aprile aveva giudicato il muro “dannoso per la popolazione locale e per i monasteri della valle” sottolineando che “il tracciato del muro, come suggerito dal ministero della Difesa, non è l’unica possibilità che permetta di garantire la sicurezza nuocendo il meno possibile, (in modo) conforme alla Legge amministrativa israeliana”. 

Con la decisione del 6 luglio, invece, la Corte ha limitato l’applicazione delle sue decisioni – rimandare la costruzione del muro nella valle di Cremisan – esclusivamente alle aree pertinenti alle due comunità salesiane e alla loro terra, ossia il monastero del XIX° secolo abitato da monaci e il convento con una scuola elementare gestita da suore.


Una veduta della Valle di Cremisan.
Una veduta della Valle di Cremisan.

La Società St. Yves, Centro cattolico per i diritti umani, ha presentato una nuova petizione

  

L’esercito, dunque, a metà agosto ha iniziato la costruzione del muro di separazione risparmiando le comunità religiose, ma intervenendo sulle terre che appartengono a 58 famiglie di Beit Jala.

Il monastero e il convento salesiani rimarrebbero dunque nella parte palestinese, ma le famiglie di Beit Jala vedrebbero le loro terre e proprietà annesse alla parte israeliana, al di là del muro.

Per questo la Società St. Yves, Centro cattolico per i diritti umani, ha presentato alla Corte Suprema israeliana una nuova petizione per sospendere la costruire del muro e ottenere che ne venga rivelato in anticipo il nuovo tracciato, mai divulgato, evitando che si arrivi sul terreno a situazioni che potrebbero rivelarsi illegali e dannose per gli abitanti della valle.

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%