logo san paolo
giovedì 01 dicembre 2022
 
eccellenze italiane
 

Salumi a chilometro zero nel rispetto della natura

19/08/2022  La storia della società agricola Salvarani, in cui lavorano tre generazioni, che alleva scrofe e produce insaccati ed energia solare. «La nostra filosofia» dicono «è fare nel migliore modo possibile»

Un’azienda familiare che vede collaborare tre generazioni, che ha saputo reinventarsi e che coniuga il  profitto con la sostenibilità. La società agricola Salvarani di Roncoferraro (provincia di Mantova) alleva  suini per la produzione di carni e insaccati, che alimenta con i mangimi derivati dalla lavorazione dei  cereali che essa stessa coltiva. «In origine la nostra famiglia si dedicava all’edilizia», spiega Stefano  Salvarani, titolare dell’azienda che è stato anche presidente della federazione regionale di prodotti suini di  Confagricolura. «Anche se mio padre faceva un altro tipo di lavoro aveva sempre guardato il mondo  dell’agricoltura con molta ammirazione perché affascinato dalla campagna, ambiente in cui era nato ed  aveva sempre vissuto e dove aveva imparato fin da subito ad apprezzarne i frutti. Con la crisi degli anni  Ottanta ha deciso di cambiare  radicalmente settore. Mio padre Renato ha solo 18 anni più di me, siamo come fratelli, e con lui e mio fratello Sandro abbiamo ricominciato da zero. Abbiamo iniziato con una ventina di scrofe allargandoci su  terreni vicino a casa. L’allevamento era a ciclo chiuso, ovvero dopo la nascita del suinello lo portavamo fino alla macellazione con l’obiettivo di realizzare un progetto più ampio  di lavorazione delle carni. Oggi abbiamo 500 scrofe, ogni anno vendiamo 8 mila suini per la  macellazione, possediamo 250 ettari di terreno e dal 2019 anche un laboratorio a Villimpenta per fare gli  insaccati (dallo speck al prosciutto crudo, dal guanciale al salame mantovano, dalla coppa stagionata e  aromatizzata al cotechino) e tagli di carne fresca con cui riforniamo agriturismi, ristoranti e negozi.  Abbiamo anche un sito di vendita (http://www.agricolasalvarani.it) e spediamo in tutta Italia. Insomma, dal terreno alla tavola».

Ultima  tappa del progetto è stato realizzare un supermercato adiacente all’azienda dove così è possibile la  vendita a km zero. In tutto impiegano 21 persone compresi il figlio di Stefano, 30 anni, e suo nipote, 25. «Per la nostra attività siamo stati insigniti del titolo di Cavalieri del lavoro dall’onorevole Letta; mobilitando l’intera famiglia siamo stati in grado di fare un salto di qualità». L’azienda Salvarani ha a cuore anche la  sostenibilità ambientale dell’intera filiera. «Siamo stati tra i primi a rimuovere l’eternit e ciò nel 2012 ci ha  portati a ottenere il certificato Iso 14000 impatto ambientale. Nella coltivazione di orzo, mais e soia non  usiamo Ogm e abbiamo un impianto fotovoltaico da 200 kW sfruttando le grandi superfici sui tetti dei  nostri capannoni. Consumiamo tutta l’energia che produciamo ogni giorno (quindi a costo zero) e quella  inutilizzata la vendiamo alla rete pubblica. La Pianura padana è assolata anche in inverno, e pure in  condizioni di poca luce riusciamo a produrre energia. Adesso essere virtuosi è diventato un business, ma  noi siamo stati tra i primi ad averci creduto. La nostra filosofia è fare nel migliore modo possibile.  Crediamo che il benessere si ottenga prima di tutto con il rispetto verso la natura, non si può pretendere di ottenere senza prima dare qualcosa».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo