logo san paolo
domenica 24 ottobre 2021
 
 

Proteggiamo i paesaggi, c'è un Forum

24/01/2012  Vi aderiscono 5000 persone e tutte le grandi associazioni: rilancia il “grido di dolore” di tanti italiani, stanchi delle devastazioni causate dalla speculazione edilizia.

Salviamo il paesaggio, salviamo i luoghi del cuore. Il “grido di dolore” di tanti italiani, stanchi della devastazione del territorio causata dalla speculazione edilizia, ha preso la forma concreta di un grande movimento nato dal basso, che ha già messo in rete 500 associazioni in tutta Italia, con un obiettivo comune: fermare il consumo di suolo libero e fertile, una risorsa ambientale preziosissima e non riproducibile. E’ nato così lo scorso novembre il Forum Nazionale Salviamo il Paesaggio-Difendiamo i Territori, al quale hanno già aderito tutte le realtà ambientaliste storiche, da Italia Nostra a Legambiente al WWF, e oltre 5000 soggetti individuali: architetti, urbanisti, agricoltori, docenti universitari. Le cifre del consumo di suolo in Italia sono impressionanti.


Secondo stime del Forum, negli ultimi trent’anni sono spariti sotto il cemento 6 milioni di ettari di suolo, quasi il venti per cento del nostro territorio. Dal 1990 al 2005, secondo Legambiente, sono stati consumati mediamente oltre 500 chilometri quadrati di territorio all’anno, un consumo corrispondente al sorgere di tre città come Milano. La Lombardia guida la classifica della cementificazione, con il 14% di superfici artificiali sul totale della sua estensione; seguono il Veneto con l’11% e la Campania con il 10 %. Intanto, 10 milioni di appartamenti restano vuoti, invenduti o sfitti. La cementificazione è una distruzione di bellezza, e già questo sarebbe grave; ma non c’è solo questo. 


Campi coltivati a regola d'arte. La speculazione edilizia aggredisce territori e paesaggi. Foto Ansa.
Campi coltivati a regola d'arte. La speculazione edilizia aggredisce territori e paesaggi. Foto Ansa.

Il suolo coperto dal cemento diventa impermeabile e perde la funzione di drenaggio delle acque atmosferiche, esponendo il territorio ai disastri che ormai abitualmente, purtroppo, causano distruzione e morte in tante regioni italiane. La perdita di vegetazione impoverisce l’aria dell’ossigeno prodotto dalle piante, aumentando il tasso di inquinamento. Nel caso di perdita di suolo agricolo, si penalizza un settore che lungi dall’essere marginale per l’Italia è invece un patrimonio inestimabile di prodotti unici, che tutto il mondo ci invidia. Spesso i terreni coltivabili vengono sacrificati non solo per costruire edifici, ma anche per installare impianti fotovoltaici, che potrebbero essere invece applicati ad aree dismesse o a edifici industriali. Magari sotto la spinta di lauti incentivi, gli stessi agricoltori, pressati dalle difficoltà economiche, cedono i terreni al miglior offerente. 

Gli obiettivi che si è dato il Forum sono tre: il censimento nazionale di tutte le costruzioni a qualsiasi titolo inutilizzate, nonché delle aree edificabili non ancora urbanizzate; moratoria di tutte le nuove edificazioni che comportino consumo di suolo libero; sensibilizzazione dei cittadini con una campagna nazionale che spieghi il valore del suolo come risorsa naturale e ambientale.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%