logo san paolo
sabato 25 giugno 2022
 
dossier
 

San Giuseppe, un papà speciale

18/03/2016  Nell'omelia della messa d'inizio pontificato, il 19 marzo 2013, papa Bergoglio citò ben dodici volte il Santo. Il padre putativo di Gesù non si fa tante domande, apre le braccia e accoglie. Per celebrare questa giornata alcuni papà si raccontano

Bisogna rileggere la prima omelia per capire il pontificato di Bergoglio. Poche righe, la parola “papa” pronunciata una volta sola, Pietro quattro volte e ben dodici volte San Giuseppe, il custode della Sacra Famiglia, il “padre putativo” di Gesù, definizione mandata a memoria da schiere di ragazzi al catechismo.

San Giuseppe è il modello a cui Bergoglio si è ispirato
quando in questi tre anni ha ripetuto che il vero potere è il servizio. E non poteva che mettere sotto la protezione di San Giuseppe il documento finale del Sinodo dei vescovi sulla famiglia, che firmerà proprio il 19 marzo. San Giuseppe è la figura al cuore del pontificato, perché san Giuseppe non si fa tante domande, apre le braccia e accoglie, servizio umile, concreto e soprattutto ricco di fede. San Giuseppe ha “custodito” Gesù e Maria, cioè il Vangelo, esattamente come ha fatto Bergoglio in questi tre anni e come ha insegnato a fare a tutti.

Nella sua stanza a Santa Marta ha una piccola statuetta di san Giuseppe che dorme. E’ nel sonno che Dio ha detto san Giuseppe di proteggere Maria e il piccolo Gesù. E lì sotto Bergoglio mette i documenti più importanti, le lettere più drammatiche, sulle quali ha bisogno un consiglio da San Giuseppe “il custode”.

Multimedia
Derek Redmond e suo papà alle Olimpiadi di Barcellona
Correlati
I vostri commenti
4

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo