logo san paolo
mercoledì 25 maggio 2022
 
Route Nazionale
 

Scout, il tempo del coraggio

08/08/2014  A sorpresa Renzi in visita alla Route di San Rossore, alle porte di Pisa: 30 mila presenze; chilometri di tende; dibattiti e preghiera. A Famiglia Cristiana, ex scout famosi raccontano di quando indossavano anche loro la divisa. Stanotte dormirà in tenda?

Stanno arrivando  in trentamila da tutta Italia dopo aver percorso per una settimana insieme ad altri rover e scolte (i ragazzi dell’Agesci dai 16 ai 21 anni) sentieri e strade divisi a gruppi di diverse regioni. La tenuta di san Rossore, che accoglierà gli oltre 30.000 scout, è già operativa per i quattro giorni di raduno che si concluderanno domenica con la messa del cardinal Angelo Bagnasco (anche lui ex scout). 

Per questi ragazzi in cammino si tratta di  giorni davvero attesi sia per la gioia di fermarsi e incontrare una vera marea di coetanei, ma anche per la voglia di confrontarsi sul tema scelto per questa terza Route Nazionale: il coraggio. Provenienti da 1500 gruppi di tutta Italia hanno percorso 456  strade. Sono a San Rossore per divertirsi, riflettere, ascoltare, proporre e impegnarsi in perfetto stile scout. Contribuendo ognuno a modo suo a scrivere un documento finale: la Carta del Coraggio.

Si montano i campi scout alla Route nazionale di San Rossore. Foto Ansa.
Si montano i campi scout alla Route nazionale di San Rossore. Foto Ansa.

Numerose dunque le esperienze che i ragazzi portano a San Rossore.

In Friuli Venezia Giulia e Veneto i rover e le scolte sono passate  per il Vajont. Oltre ai ragazzi italiani,  ospiti anche dei ragazzi austriaci e palestinesi. Nel 50° anniversario della tragedia del Vajont, gli scout hanno ripercorso i luoghi che hanno subito l'inondazione che causò 1917 vittime, dove accorsero in aiuto tanti scout, hanno incontrato i sopravvissuti - testimoni di coraggio, e ascoltato le loro storie.

In Campania: un percorso sulle terre di don Peppe Diana (Casal di Principe - Il sacerdote che venti anni fa è stato ucciso da un sicario mandato dalla camorra mentre si accingeva a celebrare messa). Nel ventennale della morte, i ragazzi hanno incontrato gente coraggiosa che, con speranza, impegno, perseveranza e fede, ha lavorato per provocare un cambiamento.

In Sicilia, partendo da Piana degli Albanesi, gli scout hanno incontrato la realtà dell'accoglienza agli immigrati e della loro integrazione, hanno visto la vita che si conduce nei centri di accoglienza e il disagio e la disperazione di chi ha perso tutto, anche la dignità. Alla fine dei quattro giorni messe insieme le diverse esperienze e raccolte testimonianze e pareri l'Agesci produrrà la Carta del Coraggio, documento stilato dai ragazzi protagonisti della Route, frutto dei pensieri di rover e scolte.

Multimedia
Le foto della Route nazionale
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo