logo san paolo
martedì 18 gennaio 2022
 
 

Sanità, e se cambiassimo tutto?

31/03/2012  Le proposte del senatore Ignazio Marino: presidi territoriali dei medici di base, aperti anche di notte, sabato e domenica. Per liberare il pronto soccorso. E per i piccoli ospedali...

La sanità è uno degli indicatori più importanti per misurare il livello di civiltà di un Paese. Dal punto di vista sociale in nostro sistema sanitario è, nella sua impostazione, equo e civile. In Italia le prestazioni sanitarie sono garantite a tutti e per tutti sono le medesime nelle strutture pubbliche. Non c’è alcuna differenza di trattamento tra poveri e ricchi, italiani o stranieri, giovani o anziani. Non è cosa da poco e voglio ricordare che in molti Paesi avanzati non è così.

In Italia al pronto soccorso tutti siamo curati egualmente; ma egualmente bene o egualmente male? E qui molti scuotono la testa mestamente mormorando che dovremmo fare di più ma che la sanità costa, eccome se costa! Il senatore Ignazio Marino, che è uno dei parlamentari più attenti alla problematica, ha recentemente condotto una “inchiesta” nei pronti soccorsi di Roma. La sua competenza in materia di sanità è fuori discussione perché è egli stesso un medico, peraltro scienziato di fama internazionale, e ben conosce e comprende le problematiche che ogni giorno i suoi colleghi medici si trovano ad affrontare nelle strutture di pronto intervento.

Il senatore ha fatto alcune proposte, che ritengo più che ragionevoli e condivisibili, riguardo l’ottimizzazione e la riorganizzazione degli ospedali. Ottimizzazione e riorganizzazione sono due termini che molto spesso i nostri amministratori usano e che di fatto il più delle volte si concretizzano in “tagli” ai servizi e ticket per le prestazioni di base. Ma risparmiare tagliando i servizi all’utenza è facile e chi ci rimette poi, come al solito, sono le fasce più deboli della popolazione. Ritengo invece che la riorganizzazione vada effettuata migliorando quello che c’è, senza costi aggiuntivi, ma ottimizzando le risorse.


Come? Prioritariamente coinvolgendo i medici di base. Non voglio essere frainteso, non sto certo dicendo che non lavorano abbastanza. Dico però che devono lavorare diversamente, o per meglio dire, diversamente organizzati. Come funziona l’attuale sistema? Oggi un medico di base, ad esempio uno che ha 1.000 assistiti, ha l’obbligo di ricevere i pazienti presso il proprio studio per un minimo di 15 ore nell’arco della settimana; il nostro medico fa ovviamente anche le visite domiciliari per i pazienti che non possono spostarsi da casa. Le visite, se richieste entro le ore 10, vengono effettuate nella giornata, se la chiamata avviene dopo le ore 10, entro le ore 12 del giorno successivo.

Questo sistema funziona dal lunedì al venerdì. E se ci sentiamo male di sabato, di domenica oppure la notte? Chiamiamo la guardia medica o, più probabilmente nelle grandi città, andiamo al pronto soccorso e lì, dove indistintamente confluiscono tutti, da chi ha la testa rotta o l’infarto, a chi ha solo un mal di pancia, aspettiamo per ore un dottore che ci visiti e che, magari scusandosi per la lunga attesa, ci dice che non abbiamo nulla di grave e che potevamo evitare di andare al pronto soccorso. Giusto, ma come facevamo noi, di sabato pomeriggio, a capire che non avevamo nulla di grave se non andavamo al pronto soccorso? Bisogna riorganizzare il sistema.

Questa in sintesi l’idea del senatore Marino, che ha analizzato la situazione essenzialmente nelle grandi città, e che condivido pienamente. I medici di base dovrebbero consorziarsi tra loro e istituire presidi medici territoriali che dovrebbero funzionare continuativamente, 24 ore al giorno, sette giorni su sette, con annesso un centro specialistico con medici specialisti che verrebbero cooptati dalle ASL o dagli ospedali. Fermo restando l’istituzione del medico di famiglia, al quale siamo legati da un irrinunciabile rapporto di fiducia e che ci cura nelle condizioni ordinarie, i cittadini dovrebbero potersi recare presso questi presidi, che potrebbero sostituire, inglobandole, le attuali guardie mediche, anziché recarsi subito ai pronti soccorsi.


In questi presidi verrebbero visitati e dirottati all’ospedale solo se affetti da patologie acute in atto. Secondo recenti statistiche le patologie che necessitano di ricovero immediato sono in numero tale che gli attuali pronti soccorsi risulterebbero in linea di massima più che sufficienti per il loro trattamento. I pronti soccorsi dovrebbero disporre inoltre di un sistema informatico di telerilevamento capace di fornire informazioni, in tempo reale, sul numero di posti letto disponibili nell’ospedale e in quelli limitrofi, e in quali reparti tali posti letto sono collocati. Questa soluzione non necessita di grandi costi aggiuntivi per essere messa in atto perché le strutture che si utilizzerebbero sono sostanzialmente già presenti sul territorio e il personale è quello già in forza alle ASL. Tale ristrutturazione potrebbe quindi essere avviata in tempi brevi.

Sarebbe certamente opportuno prevedere un preliminare periodo di sperimentazione da attuare preferibilmente nelle aree di maggiore criticità. Contestualmente può essere conveniente affrontare anche un altro problema, ovvero quello degli interventi chirurgici di alta e delicata specialità, che si concentrano per lo più nel campo della neurochirurgia e della cardiochirurgia. E’ alquanto oneroso dotare tutti gli ospedali del territorio nazionale di sofisticate attrezzature, personale e mezzi atti ad eseguire tali interventi. Sarebbe, credo, meno oneroso costituire centri super specializzati dove i pazienti potrebbero essere indirizzati e dove, effettuato l’intervento, dovrebbero permanere il minor tempo possibile ed essere trasferiti nei reparti di degenza delle ordinarie strutture ospedaliere territoriali.


Gli ospedali che non hanno un adeguato bacino di utenze dovrebbero essere chiusi. Ciò non vuol dire necessariamente “tagliare posti letto” a scapito dell’utenza, bensì ottimizzarli concentrandoli in grandi ospedali dotati di reparti con almeno 100 posti letto ciascuno. Così facendo forse potremmo riuscire a diminuire il numero dei primari, alcuni dei quali, per giustificare la loro carica e il conseguente stipendio, tengono in piedi reparti di poco meno di 10 posti letto con ovvio aggravio per il pubblico erario; si migliorerebbe nel contempo anche la gestione tecnico-amministrativa, che risultando più accentrata, avrebbe costi inferiori (spese generali, per i turni medici e infermieristici ecc). I piccoli ospedali potrebbero così essere trasformati in più utili presidi territoriali, ad esempio in presidi medici territoriali o in strutture per anziani, per disabili o per bambini, a seconda delle esigenze dei cittadini.

Queste che ho esposto sono ristrutturazioni facilmente attuabili che, con una sostanziale parità di costi rispetto al sistema attuale, si pongono il solo obiettivo di fornire ai cittadini un servizio più efficiente. Ma è ben noto che i problemi della sanità sono anche tanti altri, e gli sprechi enormi. A prescindere dagli episodi di corruzione e di illegalità che, più di qualche volta, si verificano ad esempio negli appalti di forniture di materiale medico sanitario, è noto che, frequentemente, gli stessi prodotti acquistati in diverse ASL hanno oscillazioni di prezzo anche dell’ordine del 30-40%. Tale fenomeno potrebbe essere limitato costituendo una commissione tecnico-amministrativa che, a livello nazionale, faccia da “osservatorio prezzi”, e si occupi di aggiornare e pubblicare annualmente i costi standardizzati dei presidi sanitari e ospedalieri di maggiore utilizzo.

Nelle varie ASL i prezzi dei materiali acquistati non dovrebbero discostarsi di oltre il 10% da quelli pubblicati da tale commissione e, nel caso, con adeguata giustificazione; la commissione, in situazioni particolari di apparecchiature speciali o di forti discostamenti dai prezzi medi, dovrebbe fornire il proprio parere di congruità prima dell’acquisto. Un sistema sanitario più efficiente e meno costoso può essere realizzato, e anche per me la maniera migliore è “tagliare”, solo che anziché tagliare i servizi alla gente io penso che si debbano tagliare gli interessi dei politici, quelli delle grandi lobby e quelli dei “baroni” della medicina.

I vostri commenti
5

Stai visualizzando  dei 5 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo