Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 aprile 2024
 
dossier
 

Non solo arte, Marco Mengoni vince un Festival di polemiche e di scandali costruiti per l'audience

12/02/2023  Il cantante laziale, 34 anni, ha trionfato con il brano "Due vite". L'analisi del nostro inviato, Eugenio Arcidiacono, della 73a edizione del Festival durante la quale anche gli aspetti positivi, addirittura storici (come la prima volta di un Presidente della Repubblica all'Ariston, come la celebrazione dei 75 anni della Costituzione fatta da Benigni o come l'appello a favore delle donne iraniane) sono finiti in un calderone di performance di dubbio gusto, se non volgari.

«Voglio dedicare la vittoria a tutte le donne che hanno partecipato al Festival. Siamo arrivati in finale in cinque ragazzi e quindi credo sia giusto dedicarlo alle artiste che hanno portato pezzi meravigliosi su questo palco». Sono le prima parole pronunciate da Marco Mengoni, vincitore della 73a edizione di Sanremo con il brano Due Vite. Nato 34 anni fa a Ronciglione, in provincia di Viterbo, nel Lazio, Mengoni aveva già partecipato a Sanremo  nel 2010 con il brano Credimi ancora, giungendo terzo, e nel 2013, vincendo con L'essenziale. Quest'anno il nuovo trionfo. Secondo classifcato è Lazza, terzo Mr. Rain, quarto Ultimo, quinto Tananai.

Il sipario scende su Sanremo 2023, in cui non sono mancati momenti di alto profilo se non addirittura storici (la prima volta di un Presidente della Repubblica all'Ariston , la celebrazione fatta da Roberto Benigni della Costituzione entrrata in vigore 75 anni fa, l'appoggio alle donne iraniane) finiti in un calderone agitato da polemiche (come la foto di un sottosegretario stracciata in diretta o la richiesta di legalizzare la cannabis) e da performance venate di volgarità, costruite per l'audience (come l'esibizione di un comico e lo "show" di Rosa Chemical-Fedez, nella serata finale).

Multimedia
"Anima mia" senza strumenti, a cappella: l'esibizone dei cugini di Campagna
Correlati
"Anima mia" senza strumenti, a cappella: l'esibizone dei cugini di Campagna
Correlati
Ariston: le pagelle della moda
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo