logo san paolo
lunedì 20 settembre 2021
 
Cultura
 

Marco Santagata, il critico che non temeva il lato pop della letteratura

09/11/2020  Era uno dei massimi studiosi di Dante e Petrarca, Bibbia laica per studenti e studiosi di letteratura, ma non temeva di scendere al livello del grande pubblico, come quando ci raccontò del suo Dante raccontato ai non addetti ai lavori

Marco Santagata era un critico letterario di primordine, curatore dell'edizione critica del Canzoniere di Petrarca nei Meridiani, un testo di cui conosceva ogni segreto e che aveva indagato con la sapienza di un grande investigatore. Dante era l'altro dei suoi amori. Lo ricordiamo qui nella sua veste meno accademica, quella più nota al grande pubblico. In questa intervista del 2013 ci aveva raccontato, senza spocchia e con autoironia, il suo Dante raccontato agli stranieri e a tutti quelli che non avevano gli strumenti per avvicinarlo in originale. La covid arrivata a travolgerlo mentre soffriva anche per altro si è portata via anche lui, una delle menti migliori, un maestro per tanti. Nel settecentesimo anniversario della morte di Dante (settembre 2021) la sua voce mancherà moltissimo.

Maggio 2013 - Dedicato a tutti quelli che pensano che i critici e gli studiosi siano parrucconi fuori dal tempo. Marco Santagata, docente all’università di Pisa, non è di quelli e le sue parole lo provano, molto di più e molto meglio dello slogan con cui il suo editore ha lanciato la sua Guida all’Inferno: «Tutto quello che dovete sapere sull’inferno in attesa del nuovo libro di Dan Brown».

Professore, si aspettava che la sua Guida all’Inferno di Dante sarebbe stata lanciata così?
«Devo dire che non l’avrei mai immaginato, ma Dante ci ha abituato alle sorprese da quando è diventato un autore pop: direi che ci sta. Non avrei previsto Dan Brown, ma non ho dubbi sul fatto che sia una ricezione non canonica di Dante».

La Commedia, soprattutto l’Inferno, ha avuto una enorme fortuna postuma che potremmo definire esotica. Si pensi a Benigni, ma anche a Piumini e Altan che gli hanno rifatto il verso in terzine qualche anno fa. A che cosa si deve questo successo?

«A un accumularsi di fenomeni, ma è certo che neppure nel Trecento è stato popolare come oggi. Anzi, è stato dimenticato per secoli e deve la fortuna della riscoperta alla cultura risorgimentale dell’Ottocento, al concetto del padre della Patria, delle radici, dell’identità. Oggi questo discorso non vale più, ma Dante è tuttora popolarissimo».

Saprebbe spiegarci il perché?

«Direi che lo debba al fatto di essere entrato gradualmente nel grande circuito della comunicazione. Il primo a rompere l’aura accademica e scolastica attorno a Dante forse è stato Sermonti, poi il colpo grosso l’ha fatto Benigni mobilitandogli attorno le folle. Ma sono tanti i fenomeni di contorno: persino Walt Dysney ha fatto un Topolino all’Inferno. Ma a decretarne la consacrazione è stato l’ingresso nel mondo della pubblicità. Si pensi allo spot recente di un rotolo di carta da cucina. La cosa curiosa di quella pubblicità è la scritta in calce. Vi si legge: “Firenze, 1308. Dante finisce la Divina Commedia”. Per chi abbia un minimo di cultura dantesca la scritta ha dell’incredibile: nel 1308 Dante non era a Firenze e ha finito la Commedia alla fine della vita, nel 1321. Sarebbe bastato un giro su google per risparmiarsi lo svarione. Questo dimostra che il Dante pop sopravvive indipendentemente rispetto al Dante degli studi e degli studiosi, pure lui fortunatissimo».

Non basterebbero tre vite per leggere tutti gli studi che sono stati prodotti su Dante ma i due mondi, quello pop dei media e quello degli studiosi, procedono paralleli senza un ponte che li metta in contatto. Scrivendo la Guida all’Inferno pensava al ponte?

«Sì, l’ho pensato proprio come ponte. Più che ai lettori di Dan Brown pensavo agli stranieri che magari conoscono l’italiano e Dante, ma hanno grande difficoltà ad accostarsi al testo, l’ho pensato come una specie di surrogato. Ma ho l’impressione che in questo senso possa funzionare anche presso un pubblico italiano. Oggi Dante viene veicolato soltanto attraverso libri che hanno una struttura fissa: canto introdotto da un cappello e note che spiegano il testo. Questa forma si rivolge in maniera indistinta agli studenti, agli studiosi e a un pubblico generico, come se le esigenze fossero le stesse: una formula come quella funziona per chi deve studiare, ma può respingere un lettore cuorioso che studente non è più, perché fa pensare a un libro particolarmente difficile e poi introduce l’idea sbagliata che la Commedia sia una giustapposizione di episodi e non il racconto continuo che invece è».

Il personaggio principale di Dan Brown è un professore di Harvard. È un fatto che Dante desti anche nella realtà un grande interesse accademico all’estero, soprattutto negli Stati Uniti. Come è possibile visto che riesce ormai ostico anche agli studenti italiani?

«Dante ha una lingua difficile, antica e desueta, ma noi da decenni siamo abituati a leggere testi ostici: la sua difficoltà carica di sottintesi è una modalità narrativa familiare ai lettori del 2013, abituati a fruire testi letterari, filmici, ma penso anche a quelli che circolano nelle clip, in cui viene inglobato il “non detto” e il “non noto”. Direi che gli studenti contemporanei sono naturalmente attrezzati a questo, magari anche più dei loro professori abituati a una scrittura più classica. Quanto agli stranieri, possiamo rispondere con altri esempi: Omero gode di analoga fortuna e non è che il mondo sia pieno di grecisti, l’inglese è più conosciuto ma Shakespeare è notissimo anche in contesti in cui l’inglese si parla poco. Di fronte a testi che sono creatori di miti e che una volta creati hanno vita propria, lo strumento linguistico non è più di ostacolo. Saper intepretare bisogni, paure sentimenti profondi, dando loro forma universale, è nello spirito dei classici».

Dante è intriso di riferimenti culturali cristiani. E’ più difficile leggerlo dove non ci sono?

«Io credo che di pari passo con la laicizzazione della società proceda la laicizzazione di Dante. La tematica più propriamente religiosa di Dante, che può risultare molto lontana dalla sensibilità di molti lettori di oggi, diventa un tema tra i temi, non è più recepita come un momento vitale nella costruzine del testo. Questa è sicuramente una perdita rispetto alla ricchezza del testo, ma è una perdita che libera Dante da una qualche ipoteca e fa venire in primo piano una fruizione puramente estetica, con il risultato di allargare il campo a nuove acquisizioni e punti di vista. E’ il destino dei grandi classici. Il sistema di valori civili e religiosi di Virgilio a noi risce del tutto estraneo, ma non ci è estraneo il discorso sull’uomo di Virgilio».

Chiudiamo il cerchio: abbiamo scherzato sul fatto che Dan Brown è diventato il veicolo del suo libro. Visto che lo sta leggendo, ci dica come un critico studioso di Dante si accosta a questa lettura?

«Ho letto giorni fa sul Sole24ore una stroncatura del libro di Dan Brown: veniva trattato come un insieme di sciocchezze e banalità. Ne sono rimasto non poco colpito. Non sto dicendo che il libro sia un capolavoro, ma quella stroncatura è un bell’esempio di provincialismo italiano, nel senso che Dan Brown e la cultura narrativa americana hanno tutto quello che manca a noi: sanno raccontare come molti narratori italiani, per una infinità di ragioni, con poche eccezioni, non sanno fare. Putroppo anche i lettori italiani, abituati a una narrativa che non è narrativa, da un lato guardano a questi prodotti con spocchiosità, dall’altro lato però, se sono sinceri, anche con un po’ di invidia. Io un po’ di invidia per queste persone che riescono a tenere la tensione del lettore per centinaia di pagine sul nulla – perché è vero che il libro di Dan Brown è costruito sul nulla – ce l’ho: è una dote e va riconosciuta».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 0,00 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 57,80 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
I LOVE ENGLISH JUNIOR
€ 69,00 € 49,90 - 28%