Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 26 maggio 2024
 
 

Santificarsi a vicenda nel matrimonio

08/12/2012 

È vero che il matrimonio cristiano impegna gli sposi a santificarsi a vicenda? Ne abbiamo parlato tra amici e ci pare un impegno eccessivo.

Piero R. - e-mail

Si ha sempre paura della parola “santità”. Sembra indicare qualcosa che è al di fuori delle possibilità delle persone comuni. Eppure, provi a pensare: se voglio bene a una persona voglio per lei le cose più belle. E per il cristiano la cosa più bella per la persona amata non sono io, ma è Dio e, dopo averlo trovato, vivere di lui e con lui. Questo è essere santi. Per questo il cristiano concepisce l’amore coniugale come un amore penultimo, che trova il suo pieno significato quando si apre a Dio.
È Dio il fine ultimo dell’uomo e della donna; e quando si amano si servono anche di questo amore per aiutarsi a trovarlo e a vivere con lui. Possiamo, quindi, dire che nella promessa del matrimonio c’è la richiesta di volersi bene con fedeltà e rispetto per tutta la vita; ma il cristiano riceve il sacramento non solo per attuare nel tempo questo progetto, ma per vivere l’amore come un cammino fatto insieme verso Dio, sostenendosi e aiutandosi in questo cammino. È quello che san Paolo dice nel capitolo 5 della Lettera agli Efesini.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo