Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
politica
 

Sardegna, vittoria in campo largo

27/02/2024  Alessandra Todde è il primo governatore donna della Sardegna, sostenuta da una coalizione formata da Pd e Cinque Stelle. Nel Centrodestra si riflette sull'inopportunità del voto disgiunto. Ma le tensioni tra Lega e Fratelli d'Italia sono destinate a continuare in vista delle europee

Alessandra Todde.
Alessandra Todde.

Elly Schlein e Giuseppe Conte esultano: la Sardegna ha dato il via ad un nuovo corso politico. Alessandra Todde è la prima donna presidente della Regione, eletta con il sostegno del Pd e dei Cinque Stelle: il cosiddetto campo largo. Un'entusiastica Schlein annuncia: "Il vento sta cambiando". Conte concorda: "Quando c'è un progetto serio, i risultati che sembrano impossibili diventano possibili".

Dicono che la premier Meloni non l’abbia presa bene: la sua scelta di imporre Paolo Truzzu come candidato governatore si è rivelata un autogol. Il Centrodestra ha perso, nonostante di un soffio, con il 49% dei voti alle liste. La differenza di 4 punti con il 45% di Truzzu è la prova del voto disgiunto, con molti elettori che hanno punito la Lega e Salvini. La premier Giorgia Meloni è consapevole della gravità della situazione: la conflittualità con la Lega aumenterà? Salvini aprirà nuovi fronti? Perché la vera battaglai in Sardegna è stata per le europee. Dicono anche che la premier abbia già in mente una contromossa: correre in prima persona alle elezioni europee di giugnoIl Centrosinistra, invece, è euforico: la vittoria in Sardegna rafforza il progetto Pd-M5S. L'unico neo è il flop di Carlo Calenda, che ha scelto di correre da solo con Renato Soru, ottenendo un misero 10 per cento. Si conferma la crisi del centro politico, che in Sardegna, ma anche in Italia, proprio non riesce a conseguire risultati significativi. La Sardegna ha spesso anticipato le future tendenze politiche: nel 2009 la crisi del Pd di Veltroni, nel 2019 l'ascesa di Salvini. E oggi? La Lega crolla, superata da Forza Italia. Meloni è stata travolta da una scelta non condivisa.

Nata a Nuoro il 6 febbraio 1969, laureata in Scienze dell'Informazione e Informatica presso l'Università di Pisa, la Todde ha completato la sua formazione con l'esame di stato per l'iscrizione all'albo degli ingegneri. Ha vissuto all'estero per diversi anni, negli Stati Uniti, in Spagna, Inghilterra, Francia e Paesi Bassi, dove ha sviluppato una profonda expertise in tecnologia, energia, finanza ed evoluzione digitale. Rientrata in Italia nel 2018, la Todde ha già alle spalle una brillante carriera imprenditoriale. Ha fondato e guidato come CEO Energeya, società leader nel trading energetico e del software di gestione del rischio, acquisita da FIS Global nel 2015. Ha ricoperto inoltre ruoli di vertice in diverse altre aziende del settore, tra cui Olidata, FIS Global, Sungard e Nexant. Nel 2014 ha vinto il premio "Imprenditrice dell'anno" dalla delegazione sarda di AIDDA, Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti di Azienda. Il suo impegno la porta ad approcciarsi alla politica: nel 2018 si candida alle elezioni europee come capolista del Movimento 5 Stelle, senza essere eletta. Nel 2019 entra a far parte del Governo Conte II come sottosegretaria di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico, ruolo che ricopre fino al 2021. Nel Governo Draghi assume la carica di viceministra allo Sviluppo Economico. Dal 2022 l è deputata alla Camera per il Movimento 5 Stelle, del quale è stata anche Vicepresidente dal 2021 al 2023. Le attendono sfide difficili: affrontare la crisi economica e sociale in Sardegna, promuovere lo sviluppo sostenibilde dell'Isola, migliorare i servizi sanitari e scolastici e contrastare lo spopolamento delle aree interne.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo