Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
l'appello della ong
 

Save the children: in Italia mancano gli asili nido, il Governo pensi all'infanzia

07/09/2019  La povertà educativa comincia ancora prima dell'ingresso a scuola. Le disuguaglianze nell'acquisizione di competenze e conoscenze si formano già quando i bambini sono molto piccoli. E' quanto emerge nell'ultimo rapporto dell'associazione umanitaria "Il miglior inizio-Disuguaglianze e opportunità nei primi anni di vita".

(Foto di Joshua Baker per Save the children)

Le disuguaglianze educative tra i bambini cominciano molto prima dell'ingresso nella scuola. In fatto di acquisizione di capacità e competenze, il divario si scava già nei primissimi anni di vita. Eppure, queste disuguaglianze non sono inevitabili: potrebbero essere colmate ad esempio grazie alla frequentazione dell'asilo nido. Cosa che, purtroppo, in Italia non è un fatto così scontato. Nel nostro Paese infatti solo un bambino su dieci può accedere a un asilo nido pubblico, con punte negative in regioni come Calabria e Campania dove rispettivamente solo il 2,6% e il 3,6% dei bambini frequenta un asilo pubblico. In generale, all'asilo o ai servizi integrativi per l'infanzia (pubblici o privati) accede solo un bambino su quattro. 

E' la fotografia della condizione dell'infanzia e della povertà educativa che emerge dal rapporto "Il miglior inizio-Disuguaglianze e opportunità nei primi anni di vita" stilato dalla Ong Save the children in corrispondenza con l'inzio del nuovo anno scolastico. L'indagine è stata condotta in dieci città e province italiane, in collaborazione con il Centro per la salute del bambino, insieme all'Istituto degli Innocenti e all'Università di Macerata, e ha coinvolto 653 bambini di età compresa tra i 3 annio e mezzo e 4 anni e mezzo. Perr valutare le loro competenze, i bambini sono stati sottoposti ai quesiti dello strumento Idela (International development and early learning assessment) sviluppato da Save the children international nel 2014 e usato in più di 40 Paesi del mondo, cher fa riferimento alle acquisizioni in quattro aree: fisico-motorio, linguistico, matematico e socio-relazionale.

I bambini che hanno frequentano l'asilo nido hanno risposto in modo appropriato al 47% dei quesiti, contro il 41,6% di quelli che non lo hanno frequentato. La differenza si approfondisce ancora di più per i minori provenienti da famiglie in situazione di fragilità socio-economica. Determinante, a livello di risultati, risulta essere anche la durata della frequenza del nido. Purtroppo, l'Italia è ancora carente e lontana dagli obiettivi dell'Unione europea, che mira a garantire ad almeno il 33% dei bambini fino a 3 anni l'accesso al nido o ai servizi integrativi per l'infanzia.

Un altro dato interessante che emerge dal rapporto: una mamma che lavora rappresenta non un fattore di svantaggio ma, al contrario, di protezione e di stimolo rispetto alla povertà educativa del bambino. Ciò che risulta determinante è la qualità del tempo che un genitore trascorre con il proprio figlio: se, ad esempio, la famiglia dedica del tempo ad attività come la lettura insieme, la musica, il gioco all'aperto. In una famiglia in condizione di svantaggio socio-economico, la qualità del tempo trascorso con i genitori cambia notevolmente il livello di povertà educativa di un figlio: i bambini che leggono almeno due volte a settimana libri per l'infanzia con i genitori rispondono in modo appropriato al 42% delle domande, a fronte del 36,8% di quelli che non leggono quasi mai. 

«La prima infanzia è un periodo cruciale della vita, quando si inizia a scoprire il mondo, se stessi e gli altri», ha affermato Raffaela Milano, direttrice dei Programmi Italia-Europa di Save the children. «E' fondamentale che il nuovo Governo assuma tra le proprie priorità quella dell'investimento nell'infanzia a partire dai primi anni di vita promuovendo in Italia un'agenda per la prima infanzia, che preveda un piano organico di interventi di sostegno alla genitorialità, servizi educativi di qualità e accessibili a tutti, misure di welfare familiare, lotta alla povertà economica ed educativa, sostegno all'occupazione femminile e conciliazione tra lavoro e famiglia».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo