Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
scuola e covid-19
 

Save the children: urgente un piano di ristoro educativo per gli studenti più fragili

10/01/2022  L'organizzazione impegnata nella difesa dei minori esprime la sua preoccupazione per gli effetti negativi che la didattica a distanza ha causato su bambini e adolescenti e lancia un appello al Governo

Dopo la pausa natalizia, oggi le scuole italiane hanno riaperto i battenti, tra dibattiti, polemiche, dubbi, paure. La Ong Save the children esprime la sua preoccupazione per le conseguenze negative che le chiusure scolastiche e la didattica a distanza – a cui ricorrere solo come estrema ratio, per l’organizzazione - hanno già causato su bambini e ragazzi.  

In una consultazione promossa da Save the Children qualche mese fa, coinvolgendo oltre 1.000 docenti in maggioranza della scuola primaria e secondaria di primo grado, la metà degli insegnanti ha segnalato nella classe una generale perdita degli apprendimenti (55,3%), 1 su 4 ha notato l’emersione di disturbi psicologici in almeno un caso tra i suoi studenti, 1 su 5 constata un forte impatto della povertà su famiglie e bambini che frequentano la scuola, mentre  il 6,5% segnala nella propria scuola almeno un caso di abbandono scolastico. Tra aprile e giugno 2020, secondo l’Istat sarebbero stati circa 600.000 i ragazzi delle scuole primarie e secondarie che non hanno partecipato alle lezioni in videoconferenza, in un Paese che conta uno dei tassi più elevati di dispersione scolastica in Europa.

Di fronte a questa situazione, Save the children chiede al Governo il varo di un piano straordinario di sostegno all’educazione che preveda, sin da subito, il monitoraggio nazionale di tutte le aperture e chiusure disposte per gli istituti scolastici e la messa a punto, per i bambini e gli adolescenti la cui frequenza scolastica si è interrotta a causa della pandemia, di una “dote educativa”, rappresentata da un monte ore di sostegno allo studio gratuito fruibile in gruppo o individualmente durante l’anno scolastico e per tutto il periodo estivo, che comprenda non solo il recupero delle materie scolastiche, ma anche opportunità culturali e relazionali.

Secondo l’organizzazione, è urgente mettere in campo un serio piano di “ristoro” educativo che, proprio come si è fatto per le attività produttive, intervenga per limitare i danni di lungo periodo che rischiano di colpire intere generazioni e di interrompere definitivamente il percorso educativo di bambini, bambine e adolescenti nei contesti di maggiore povertà, emarginazione e disagio sociale nel nostro Paese.

 

(Foto Ansa)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo