logo san paolo
venerdì 05 marzo 2021
 
ANNO SANTO
 

"Scalzi" e senza agenda, i sacerdoti secondo Francesco

03/06/2016  Testimoni credibili del Vangelo e non funzionari del sacro, capaci di farsi "prossimo", staccati dal denaro: il Papa ha celebrato il Giubileo insieme a circa 6 mila confratelli giunti a Roma da tutto il mondo. Note di cronaca e una riflessione di Fabio Zavattaro, vaticanista del Tg1.

Francesco, lo sappiamo, ama spesso inventare le parole; o meglio fa una traduzione molto personale di un termine che è presente nella lingua che parlava da sacerdote e vescovo. Così ai preti che incontra in occasione del Giubileo loro dedicato – per l’occasione prepara tre meditazioni che pronuncia nelle tre basiliche romane di San Giovanni, Santa Maria Maggiore e San Paolo – amplia il concetto di misericordia: “bisogna un po’ forzare la lingua”, dice, e così ecco i termini “misericordiare” e “essere misericordiati”. Parole che sono anche invito ad essere sempre più vicini alle donne e agli uomini del nostro tempo, con le loro difficoltà e speranze, con le loro gioie e ansie.

Il prete che ama il Papa, lo sappiamo, ha l’odore delle pecore: lo ha detto all’inizio del suo Pontificato. Un pastore scalzo, senza agenda, come ha affermato parlando ai vescovi italiani aprendo l’ultima assemblea della Conferenza episcopale italiana (Cei). Essere scalzi diventa allora uno stile, un modo di essere accanto a chi è povero, una rinuncia a tutto ciò che è superfluo. Istruzioni per vivere la misericordia. Possiamo chiamarle così le parole che papa Francesco lascia ai sei mila preti presenti in questi giorni a Roma: “abbiamo chiesto la grazia di essere segno e strumento; ora si tratta di agire e non solo di compiere gesti, ma di fare opere, di istituzionalizzare, di creare una cultura della misericordia”.

I preti possono e devono chiedere “la grazia” di gustare con Cristo sulla croce “il sapore amaro del fiele di tutti i crocifissi, per sentire così l’odore forte della miseria, in ospedali da campo, in treni e barconi pieni di gente. Quell’odore che l’olio della misericordia non copre, ma che ungendolo fa sì che si risvegli la speranza”. Il primo no che il Papa pronuncia è al denaro. “Anche il più ricco quando muore si riduce a una miseria e nessuno porta dietro al suo corteo il camino del trasloco”. Parole che già nella sua prima messa nella parrocchia vaticana di Sant’Anna, appena eletto, aveva proposto, ricordando come la nonna gli dicesse che “il sudario non ha tasche”. Il popolo riconosce “a fiuto” quali peccati sono gravi per il pastore, quali uccidono il suo ministero perché lo fanno diventare un funzionario, o peggio un mercenario”. La gente perdona molti difetti ai preti, “salvo quello di essere attaccati al denaro. Il popolo non lo perdona”. Il secondo no di Francesco è alla incapacità di vedere il volto di Cristo nel volto delle persone che si incontrano. Chiede ai preti di non essere impermeabile agli sguardi per non rimanere chiusi in se stessi. Cita il Diario di un curato di campagna di George Bernanos, Francesco, per dire: “se ogni orgoglio morisse in noi, la grazia delle grazie sarebbe solo amare sé stessi umilmente, come una qualsiasi delle membra sofferenti di Gesù Cristo”.

Il terzo no per chiedere ai sacerdoti di non essere un giudice-funzionario.
Dio non si stanca mai di perdonare, anche quando “vede che la sua grazia sembra non riuscire a mettere forti radici nella terra del nostro cuore”. La misericordia “non ci dipinge dall’esterno una faccia da buoni, non ci fa il Photoshop, ma con i medesimi fili delle nostre miserie e dei nostri peccati, intessuti con amore dal padre, ci tesse in modo tale che la nostra anima si rinnova recuperando la sua vera immagine, quella di Gesù”. È poi con una metafora rende più esplicita la sua idea di misericordia: “il nostro peccato è come un colabrodo, come una brocca bucata dalla quale scorre via la grazia, in poco tempo”. La misericordia è esagerata, va oltre la giustizia: “si sporca le mani, tocca, si mette in gioco, vuole coinvolgersi con l’altro”. L’altro non è mai un caso è sempre una persona.

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 78,00 € 57,80 - 26%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%
    PAROLA E PREGHIERA
    € 33,60 € 33,50
    VITA PASTORALE
    € 29,00
    GAZZETTA D'ALBA
    € 62,40 € 53,90 - 14%