Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 luglio 2024
 
 

Scanzi: ma è giusto espellere chi viola le regole

20/06/2013 

«Non sono contrario a priori alle epurazioni. Se uno va contro le regole del movimento in cui è stato eletto è giusto che venga espulso. Succede così nel Pd, nel Pdl e in tutti i partiti. Detto questo, il metodo utilizzato nei confronti della senatrice Gambaro è stato un errore enorme, un clamoroso autogol politico e d’immagine».

Andrea Scanzi, scrittore e giornalista del Fatto Quotidiano, conosce molto bene l’universo grillino. Nel 2008, prima dell’exploit, ha scritto Ve lo do io Beppe Grillo (Mondadori).

Perché un autogol?

«Perché i detrattori del Movimento 5 Stelle, che lo dipingono da sempre come un’oscura setta, non aspettavano altro per attaccarlo e dire: “Visto che avevamo ragione noi?”. E poi, espellere una persona solo perché in un’intervista ha parlato male di Beppe Grillo è un atteggiamento fastidioso e caricaturale. La lesa maestà contro il capo è qualcosa da Romania di Ceausescu».

Non è la prima volta, però, che il movimento caccia via qualcuno.

«Sì, ma nel caso di Favia, Federica Salsi e del senatore Mastrangeli le espulsioni erano giustificate dal fatto che non avevano rispettato le regole che il gruppo s’era dato. Se c’è un regolamento va osservato e chi non lo fa è giusto che lasci. Su questo non ci piove».

Ma con la Gambaro non è andata proprio così.

«Le sciocchezze dette dalla senatrice contro Grillo sono state un pretesto per isolarla. In realtà, lei insieme alla Pinna, Currò ed altri sono quelli che a suo tempo spingevano per l’accordo con il Pd e soprattutto volevano tenersi la diaria parlamentare. Fanno parte di un gruppo che vuole discostarsi dalla linea ortodossa e massimalista del gruppo».

E ora che succede? Si va verso la scissione?

«Non credo. All’interno del Movimento c’è un gruppo che vuole liberarsi di questi dissidenti, che sono circa una ventina, e probabilmente ci riuscirà. Bisogna vedere quale metodo sceglieranno. Spero non quello utilizzato con la senatrice Gambaro».

Ma la sua espulsione è stata decisa dalla Rete.

«13 mila persone hanno deciso il destino di una parlamentare votata da 9 milioni di persone. È ridicolo. Spero che Grillo e Casaleggio se ne rendano conto».

Tag:
Multimedia
Gambaro, l'intervista fatale
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo