logo san paolo
venerdì 01 luglio 2022
 
il ricordo
 

Scarponi, il gregario-campione senza eguali

23/04/2017  Aveva vinto un Giro d'Italia, ma sapeva mettersi a disposizione dei più giovani. Una miscela ineguagliabile di talento e spirito di servizio

MIchele Scarponi se ne infischiava di sole, pioggia o vento. Quale che fosse il tempo meteorologico,  non importava. Era in forma, si sentiva in forma, aveva appena vinto una tappa al “Tour of the Alps” in Trentino che al tramonto della carriera gli aveva fatto assaporare il gusto della vittoria, come il fondo del bicchiere. E così anche quella maledetta mattina suona la sveglia di casa Scarponi, saluta la moglie Anna e i due gemelli di cinque anni ed esce dalla sua casa in quel di Filottrano, un paesino nel cuore delle Marche. Ed era solo Michele, lui, la bici e la maglia tecnica che era solito indossare durante gli allenamenti. Quelle strade le conosceva bene. Erano le sue strade, che ha percorso mille volte. Un furgone non lo ha visto, in sella alla sua bici da gara, colpendolo in pieno e causandone la morte sul colpo.

Tutti dicono che era un uomo onesto e semplice, una rarità in uno sport come il suo, in cui tutto quello che conta è la prestazione. Per Michele no, perché “l’aquila di Filottrano” (così veniva chiamato per la sua grande abilità di scalatore), era capace di far vincere i suoi compagni rinunciando a possibili gioie. Un campione ineguagliabile, un fuoriclasse con l'umiltà (rara) del gregario. E questo lo rende ancora più unico nel panorama sportivo. La gloria per lui era anche mettersi al servizio dei più giovani. Come quella volta che il ciclista jesino poteva vincere una tappa ma ha aspettato il capitano Vincenzo Nibali (che poi quel giorno vinse).

Era così Scarponi, uno che, forse, non sarà ricordato per le sue vittorie, ma indubbiamente per il grande altruismo che mostrava in ogni occasione. Certo, imprese sportivamente rilevanti ne ha compiute. E che imprese: ha vinto il “Giro d’Italia” nel 2011 (per la squalifica per doping di Contador, che impegnò in un duello, sull'Etna, degno di Coppi e Bartali), e nel 2009 portò a casa la Tirreno Adriatico. Dunque, dal punto di vista sportivo non si poteva certo definire un Pantani, ma sicuramente aveva grandissime doti da scalatore (che ha messo in mostra recentemente al “Tour of the Alps”). Era un loperaio della biciicletta semplice ed umile, che sapeva anche scherzare ed essere ironico quanto bastava.

Un bell’esempio per tutti, un marito e un padre premuroso per la sua giovane moglie Anna e per i figli, che avranno tanto dolore ma anche ricordi indimenticabili del loro papà, sportivo e non solo. È una bella famiglia quella di Michele, in cui alleggia un’atmosfera di gioia e serenità. Amanti degli animali, posseggono un cane di nome Lamù e il noto pappagallo Frankje, noto in tutta la valle perché Michele in allenamento se lo portava sulla spalla mentre era in sella. Sicuramente al Giro d’Italia di quest’anno, con l’infortunio di Fabio Aru, Scarponi sarebbe stato il capitano del suo team, “l’Astana”, e avrebbe potuto mostrare a tutti di che pasta fosse fatto nonostante la veneranda età (agonisticamente parlando). Il ciclismo piange il migliore di tutti per umiltà, talento e grinta.

  

Multimedia
Addio a Michele Scarponi, travolto mentre si allenava
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo