logo san paolo
domenica 23 gennaio 2022
 
 

Sci: Paris, l'argento nel futuro

09/02/2013  Si poteva sognare l'oro, ma l'argento in discesa di Dominik Paris è un'ottima notizia per il futuro della velocità azzurra. Le condizioni erano difficili e Svindal troppo esperto.

Quando un oro possibile diventa un argento tangibile si può sempre fare il gioco del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. E sono sempre vere entrambe le cose. Dalla discesa libera del Mondiale di Schladmnig ci si poteva aspettare una gara più autorevole da parte di Christof Innerhofer, nel pieno della sua prestanza atletica anche se in forma imperfetta. Ma Christof non era in giornata e questa è la parte mezza vuota del bicchiere.


Però c’è Dominik Paris che arriva secondo dietro il norvegese Svindal oggi apparso imbattibile. Dominik è un ragazzo di 24 anni, anche sportivamente parlando in discesa libera ha una vita davanti, perché la velocità, in cui si tratta di domare in picchiata le piste metro a metro senza subirle, è un lavoro per sciatori esperti e infatti Svindal ha 31 anni e una lunghissima teoria di discese sulle spalle.

Basterebbe questo per dire che dal punto di vista dell’Italia il bicchiere di questa gara mondiale è definitivamente mezzo pieno. Non solo perché Paris ha la medaglia al collo, e alla sua età ha tempo di crescere, ma soprattutto per come ha gareggiato oggi, confermando il secondo posto della prova di ieri a condizioni decisamente mutate. Già perché, nello sci alpino, il bicchiere conta eccome. Se il giorno delle prove è trasparente e il giorno della gara appannato, cambia tutto. Stavolta è andata così: in prova sole terso, in gara nebbia e neve, quando si tratta di spingere a oltre 100 km all’ora su un paio di sci, vedere bene o vedere poco fa differenza. E infatti tanti che in prova avevano fatto sperare, in gara hanno mostrato smalti meno brillanti. 

Tanti più esperti di Paris, che però non è stato tra questi: secondo era arrivato in prova al sole, con la pista accorciata della parte finale impegnata per il tracciato delle donne e secondo è rimasto oggi con il maltempo e con la parte finale provata appena stamattina come tutti, una parte finale che con una sbandata a sinistra sulla penultima porta ha tradito anche i migliori. La testa di Dominik che non si fa condizionare dall’inesperienza  e dalle avversità climatiche, una testa che i risultati della stagione avevano già confermato priva di timori reverenziali nei confronti di piste prestigiose, gare importanti e avversari altolocato, è la buona notizia di questo mondiale. Una buona notizia per il futuro dello sci alpino azzurro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo