logo san paolo
giovedì 09 dicembre 2021
 
SINDACATO
 

Sciopero generale o ponte?

12/11/2014  La Cgil ha indetto la mobilitazione nazionale per il 5 dicembre. Ma i renziani ironizzano sulla data, un venerdì attaccato al ponte dell'Immacolata. A chi giova?

L’autunno caldo avrà il suo culmine il prossimo 5 dicembre. Per quel giorno infatti la Cgil ha proclamato uno sciopero generale di otto ore, con manifestazioni in tutta Italia, contro la legge di stabilità e il Jobs Act. Il segretario Susanna Camusso ha rivolta la proposta anche alla Cisl e alla Uil, ma queste due ultime confederazioni hanno finora dichiarato che non aderiranno. Prima di andare in piazza lo sciopero arriva sui social network e si trasforma in polemica. Lo spunto è il giorno prescelto: un venerdì. Che va ad appiccicarsi al ponte dell’Immacolata. In pratica aggiunge un giorno ai due già previsti dal calendario.

Il dirigente del Pd Ernesto Carbone con un tweet si guadagna il lancio della giornata: “Il ponte è servito”, proclama. Come hashtag sceglie “coincidenze”. Replica il  leader della Fiom: «Sciopero ponte? Sciocchezze. La cosa mi fa solo ridere. Basta guardare le piazze, sono strapiene. Senza considerare che uno sciopero costa molto ad un lavoratore. È una vera sciocchezza dire questo».  La scelta del giorno però ha dato la stura sui social networks; tutti si chiedono che senso aveva proclamare uno sciopero così importante non a metà settimana ma appiccicato a un ponte natalizio. Ma al di là della data, è lecito chiedersi quale sarà l’impatto sugli italiani che il ponte non lo fanno e che restano a casa e soprattutto sull’economia italiana, già abbastanza in ginocchio. Davvero non c’erano altre forme di lotta? Davvero lo sciopero, un’arma ottocentesca, era l’unica soluzione?    

I vostri commenti
24

Stai visualizzando  dei 24 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo