logo san paolo
giovedì 02 dicembre 2021
 
londra
 

Svolta a Scotland Yard, la prima donna al vertice

23/02/2017  La nuova "commissioner" della polizia metropolitana della capitale britannica si chiama Cressida Dick, ha 56 anni, è laureata ad Oxford e ha già guidato la sezione anti-terrorismo della "Met police".

(Foto Reuters)

 

Il vento cambia anche a Scotland Yard. Per la prima volta nella sua storia, da quando venne creata nel 1829, la celebre polizia di Londra (Metropolitan police service, ma più comunemente chiamata con il nome della sua sede originaria) viene guidata da una donna. Lei si chiama Cressida Dick, ha 56 anni, ed era già stata a capo della sezione anti-terrorismo della Metropolitan police fino al 2014.

 

Figlia di una storica dell'Università di Oxford, dove anche lei si è laureata, e di un filosofo dell'East Anglia, la brillante carriera di Cressida Dick è stata macchiata da uno degli errori più terribili commessi dalla polizia londinese in questi ultimi anni, che però non le ha impedito di conquistare la posizione da record a Scotland Yard: nel 2005 un uomo innocente, brasiliano, Jean Charles de Menezes, è stato ucciso durante un'operazione anti-terrorismo perché scambiato per un terrorista. Al comando dell'intervento c'era lei, la Dick. Nel 2007 la giustizia l'ha sollevata da ogni responsabilità dal fatto. Ma il tremendo episodio avrebbe potuto comunque ostacolarle la carriera a venire. 

 

La nuova "commissioner" di Scotland Yard ha potuto godere del forte sostegno del sindaco di Londra Sadiq Khan, che ha parlato di un giorno storico per la capitale britannica: fra gli ultimi quattro candidati alla prestigiosa posizione, durante l'intervista con il sindaco e con il ministro dell'Interno Amber Rudd, lei è quella che ha dimostrato le capacità più spiccate di poter riformare la polizia metropolitana e allo stesso tempo di mantenere la sicurezza nella capitale, in un momento particolarmente difficile per la città, tra minacce del terrorismo e livelli allarmanti di criminalità.

I vostri commenti
8

Stai visualizzando  dei 8 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo