Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 13 giugno 2024
 
 

Si scrive Libano, si legge Siria

29/05/2011  Una chiave di lettura dell'attentato contro i caschi blu italiani evoca il ruolo di Damasco: il regime, sempre più vacillante, sembra aver voluto mandare così un messaggio al mondo.

In Siria infuriava l'undicesimo venerdì di protesta contro il regime di Bashar al-Assad quando ha avuto luogo l'attentato contro i soldati dell'Unifil, il primo dal 2008. Gli undici venerdì di mobilitazione siriana per la libertà e la dignità hanno comportato prezzi molto alti: per i siriani (1.100 manifestanti uccisi, 16.000 arrestati, 400 scomparsi, 4.000 feriti), per il regime di Damasco (la cui mancanza di prospettive appare evidente proprio per la sua brutalità), e per il suo principale alleato, Hezbollah, che dopo aver offerto ogni collaborazione alla repressione in Siria ha cercato di imporre la repressione anche in Libano, per evitare che il Paese dei cedri divenga un rifugio per i dissidenti.



Perché? Perché senza Damasco il partito di Hassan Nasrallah perde l'insostituibile via di approvvigionamento. Il travagliato ma mai ucciso Libano delle libertà e della convivenza, che Giovanni Paolo II definì un messaggio, ha esportato il suo "messaggio" politico in Siria: il regime siriano ora tenta di ri-esportare il suo messaggio in LIbano: la forza delle armi contro la forza delle idee. In questo scontro Hezbollah ha già perso, ha perso l'egemonia culturale sui popoli arabi, dimostrandosi forza di oppressione e non di liberazione. Ora teme di perdere anche sul territorio: ulteriori sanzioni contro il regime di Damasco potrebbero risultare davvero esiziali. Per questo l'attentato contro l'Unifil appare un avvertimento in tempo reale al G8. A chi poi sia stata subappaltata l'esecuzione dell'attentato appare scarsamente rilevante.

I vostri commenti
1

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo