Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
natale in myanmar
 

«Scrivo da un Paese a cui è stato negato il dono della pace»

24/12/2023  Sono circa 6mila i missionari italiani laici e religiosi, uomini e donne che vivranno questo Natale tra gli ultimi nelle periferie del mondo. La testimonianza di uno di loro dal Myanmar dove i cristiani sono il 5% della popolazione. Una minoranza oggi anche fisicamente “in uscita”, tra gli sfollati di una guerra dimenticata

Natale non sembra Natale: non fa freddo, non c’è neve, nè le illuminazioni tipiche di questa stagione. Il clima resta caldo umido e ci aggiriamo ancora intorno ai 30°, il che significa che basta muoversi durante le ore più calde della giornata per arrivare completamente sudati a destinazione. Il primo segno natalizio l’ho avvistato in un negozio di artigianato locale il mese scorso: un grande Babbo Natale in cartapesta, rosso fiammante color Ferrari, volava sopra le nostre teste, appeso al soffitto. Volava veramente in quanto dotato di ali, quasi fosse la versione 2.0 di quello tradizionale accompagnato da renne e slitta: sicuramente molto più performante nel consegnare tutti i suoi doni ai bambini!

Entrando in alcuni centri commerciali siamo stati inondati dai canti natalizi: sembrano un po’ fuori posto in questo Paese in cui l’85% della gente è buddista, ma non fanno problema a nessuno in quanto non vengono associati alla nascita di Gesù ma solo al clima consumistico dei regali. Sono stato anche a due mercatini di Natale: in una scuola ragazzi e genitori si facevano un selfie seduti su una slitta di cartone con stelle brillanti a fare da sfondo, mentre domenica scorsa in parrocchia il mercatino è diventato l’occasione di fermarsi a fare quattro chiacchiere dopo la Messa.

Mi chiedo: dove si è nascosto il Natale? Intendo quello vero, profondo, in cui si festeggia la nascita di Gesù, il principe della pace, Dio che prende carne in mezzo a noi, dov’è finito? Non occorre andare troppo alla ricerca per cogliere negli animi di tanta gente, buddisti, cristiani, indù e musulmani, un’attesa forte di giustizia e di pace. Da quasi tre anni il Myanmar vive una situazione di guerra civile e ogni giorno, soprattutto negli ultimi due mesi, proprio ogni giorno arrivano notizie di nuovi bombardamenti, nuovi sfollati (che sono già più di due milioni), famiglie divise in tante zone di questo Paese grande più di due volte l’Italia. In questo contesto duro - e permettetemi: inimmaginabile per chi vive da quasi 80 anni in pace, come noi italiani -  l’attesa del piccolo Gesù, principe della pace, diventa un grido sofferto, impotente eppure tenace, che si alza in preghiera durante ogni celebrazione. Continuiamo ad invocarTi: vieni Signore Gesù, donaci pace, qui abbiamo veramente bisogno di Te!

padre Dee Win (il nome birmano che ho ricevuto qui)

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo